Adut Akech sui capelli afro: «Rispettate la mia chioma»

18.4.2019 - 13:10, CoverMedia

Paris Fashion Week Autumn/Winter 2019/2020 - Alexander McQueen - Catwalk Featuring: Model Where: Paris, France When: 04 Mar 2019 Credit: First View/Cover Images **Not available for publication in USA**
Source: First View/Cover Images

La modella nata in Sud Sudan non si sottoporrà più ad acconciature che prevedono l’utilizzo di phon o piastra.

Quando si tratta di acconciature, Adut Akech ha le idee chiare.

La modella, nata in Sud Sudan e cresciuta ad Adelaide, in Australia, ha debuttato in passerella nel settembre 2016 per lo spettacolo primavera/estate 2017 di Saint Laurent. In seguito è stata scelta da Chanel come sposa per la collezione Haute Couture autunno 2018: ruolo che ha fatto da trampolino per gli ingaggi da Valentino, Alexander McQueen, Givenchy e Kenzo.

Nonostante Adut sia ora fra le modelle più gettonate del settore, la 19enne afferma che molti hairstylist non sono tuttavia ancora attrezzati a lavorare con i suoi capelli naturali.

«Ho i capelli Afro. Sulla mia chioma non puoi usare gli stessi prodotti o diffondere la stessa quantità di calore che utilizzeresti per una ragazza caucasica, ma molti parrucchieri non riescono a capirlo. La scorsa stagione ho lasciato via libera ai parrucchieri. Il risultato? Capelli completamente rovinati», ha dichiarato Adut Akech nella sua ultima intervista a Allure.

«Questa stagione non ho permesso a nessuno di toccarmi i capelli, né con phon né con piastra, ma se una modella non si sente bene con uno stile, dovrebbero capire».

In precedenza, modelle come Iman e Leomie Anderson hanno condiviso coi media che per gli shooting si devono portare i propri fondotinta, perché i truccatori non hanno l'assortimento di palette sufficiente.

Situazione capitata anche alla stessa Akech: «Sono una ragazza dalla pelle scura, in Australia l'unico marchio che potevo usare era MAC. Mentre in America ho più scelta, mi piacciono L'Oreal Paris True Match, Maybelline New York Fit Me e Dior Backstage».

Tornare alla home page

Altri articoli