Alice + Olivia: lancia le mascherine riutilizzabili a 9 euro

CoverMedia

9.4.2020 - 13:10

Fashion Institute Of Technology 2017 Gala at Marriott Marquis Times Square Featuring: Stacey Bendet Where: New York, New York, United States When: 22 Mar 2017 Credit: Jeff Grossman/WENN.com
Source: Jeff Grossman/WENN.com

In precedenza, il marchio di moda americano ha donato 5mila mascherine per i lavoratori degli ospedali di New York e dell'Arizona.

Alice + Olivia ha creato una collezione di mascherine in tessuto jersey riutilizzabile dedicate al pubblico.

L'etichetta di moda americana guidata dalla designer Stacey Bendet, ha già donato 5.000 maschere facciali a dottori e infermieri in prima linea negli ospedali di New York e dell'Arizona.

Lunedì la società ha ora annunciato che lancerà le maschere lavabili da 9 euro, caratterizzate dalla grafica Staceface e create per proteggere il grande pubblico dall'emergenza di Covid-19.

Bendet ha promesso che per ogni acquisto, donerà una mascherina chirurgica alla comunità medica.

Alice + Olivia stanno inoltre lanciando la campagna #MaskTogether, che evidenzia le precauzioni di sicurezza raccomandate dagli esperti dei Centers for Disease Control and Prevention (ovvero i centri per la prevenzione e il controllo delle malattie) negli Stati Uniti, che recentemente hanno esortato le persone a indossare maschere in pubblico.

«Al fine di fermare la diffusione del virus, proteggersi a vicenda e ridurre la trasmissione della comunità, indossare maschere è la nostra responsabilità condivisa», ha affermato la Bendet in una nota.

«Unisciti a #MaskTogether e mostra il supporto per la nostra comunità, i medici e le infermiere, i lavoratori delle consegne e i primi soccorritori che stanno combattendo questa crisi in prima linea. Unisciti a noi nel creare maschere - e non solo come necessità funzionale, rendilo una moda. Con un messaggio di amore e comunità, ci uniamo per proteggerci».

Dall'inizio dell'epidemia in Cina a dicembre, oltre 1,4 milioni di persone sono state contagiate e 83mila sono morte.

Tornare alla home page

CoverMedia