Amici a quattro zampe: più salute per i padroni

CoverMedia

2.9.2019 - 16:09

Senior couple on a walk with dog in nature When: 16 Sep 2016 Credit: HalfPoint/Westend61/Cover Images
Source: HalfPoint/Westend61/Cover Images

Chi possiede un cane gode di un più alto livello di benessere generale.

Da sempre i cani sono descritti come i migliori amici dell’uomo. E secondo una nuova ricerca, i benefici di questa affettuosa compagnia arrivano anche… al cuore, letteralmente.

I ricercatori di Brno, nella Repubblica Ceca, hanno analizzato i dati relativi allo studio chiamato Kardiozive Brno 2030, che ha coinvolto oltre 2.000 individui con diverse condizioni sociali e socioeconomiche, dal gennaio del 2013 al dicembre del 2014.

Mettendo a confronto le informazioni riguardando le persone che possedevano un animale domestico, con quelle di chi non ne aveva uno, è affiorata una forte associazione tra la compagnia di un cane e un migliore stato di salute.

«In generale, le persone che possiedono un animale domestico sono più attive fisicamente, seguono un’alimentazione più sana, e il loro livello di glucosio nel sangue è migliore», ha dichiarato Andrea Maugeri, ricercatore presso il centro International Clinical Research Center di St. Anne University Hospital, a Brno, e l’Università di Catania. «I migliori benefici dell’avere un animale domestico sono stati osservati tra coloro che possedevano un cane, a prescindere dall’età, dal sesso e dal livello di educazione dei padroni».

Dottor Maugeri sottolinea anche che i risultati ottenuti attraverso le sue ricerche sono in linea con il rapporto scientifico dell’American Heart Association secondo cui vivere con un cane offre enormi benefici sia per l’attività fisica che per la riduzione del rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare.

Dottor Francisco Lopez-Jimenez, a capo della Division of Preventive Cardiology presso la Mayo Clinid di Rochester, ha aggiunto anche che adottare un cane stimola i padroni ad uscire, a camminare, a muoversi di più e a giocare con i loro cuccioli regolarmente.

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Mayo Clinic Proceedings: Innovations, Quality & Outcomes.

Tornare alla home page

CoverMedia