Ansia e tiroide: un legame strettissimo

CoverMedia

15.10.2020 - 16:08

Mature woman sitting on edge of bed with chin in hands When: 27 Apr 2017 Credit: F. Cirou / PhotoAlto / Cover Images
Source: F. Cirou / PhotoAlto / Cover Ima

Gli scienziati hanno scoperto un’associazione tra il nostro stato mentale e la condizione autoimmune.

Le persone che soffrono di problemi alla tiroide corrono un rischio molto più alto di sviluppare una condizione d’ansia, rispetto a chi non soffre dell’infiammazione.

Secondo lo studio, effettuato presso il Kyiv City Clinical Hospital, in Ucraina, allo stesso modo le persone che soffrono d’ansia hanno più probabilità di soffrire anche dell’infiammazione alla tiroide.

La tiroide è una piccola ghiandola situata nel collo, che produce gli ormoni tiroxina (T4) e tri-iodotironina (T3), essenziali per il normale funzionamento del cuore, dei muscoli e della digestione, oltre che per lo sviluppo del cervello.

I problemi alla tiroide, inclusa l’infiammazione, si sviluppano quando il corpo produce erroneamente degli anticorpi che attaccano la ghiandola.

Il team ha analizzato circa 60 partecipanti per lo studio, 29 uomini e 27 donne: tutti soffrivano d’ansia e avevano recentemente avuto degli attacchi di panico. Dopo varie analisi, ai pazienti con sintomi di infiammazione sono stati somministrati antinfiammatori ibuprofene e tiroxina per ridurre il livello ormonale della tiroide e lo stato d’ansia.

«Questi risultati indicano che il sistema endocrino può giocare un ruolo importante in una condizione come l’ansia», ha dichiarato la dottoressa Juliya Onofriichuk, dell’istituto ucraino. «I medici dovrebbero anche considerare la ghiandola, il resto del sistema endocrino, e il sistema nervoso, quando visitano i pazienti che soffrono d’ansia».

Gli studi sull’associazione tra l’infiammazione della tiroide e disturbi mentali continuano.

Tornare alla home page

CoverMedia