I consigli del Touring Club

Canicola in auto: una trappola potenzialmente mortale

ots / pab

26.6.2019

Il colore dell'auto, secondo i test del TCS, influenza in modo importante  la temperatuira all'interno dell'abitacolo
Il colore dell'auto, secondo i test del TCS, influenza in modo importante  la temperatuira all'interno dell'abitacolo
KEYSTONE/GAETAN BALLY

Le temperature estreme presenti in Svizzera questa settimana possono rivelarsi pericolose per gli occupanti di veicoli parcheggiati al sole. Il Touring Club Svizzero (TCS) ha testato alcune soluzioni pratiche.

Le prove effettuate dal TCS hanno rilevato che la temperatura all'interno d'una vettura è influenzata anche dal colore della carrozzeria e non solamente dal luogo in cui è parcheggiata.

Dopo un'ora d'esposizione al sole, un'auto di colore nero raggiunge una temperatura interna fino a 20 gradi, superiore a quella di una vettura bianca. Il colore nero, come è noto, assorbe di più i raggi solari e di conseguenza la vettura si riscalda più velocemente e maggiormente.

Le pellicole antisolari si sono inoltre rivelate abbastanza efficaci: un'auto senza, parcheggiata per un'ora in pieno sole, raggiunge sul cruscotto una temperatura di quasi 40°superiori, arrivando anche a 77°.

I finestrini leggermente aperti non apportano un effetto rinfrescante; dopo 30 minuti, la differenza di temperatura misurata è stata di soli 2 gradi. Viaggiando, al contrario, con i finestrini completamente abbassati, l'abitacolo s'è rinfrescano in pochi secondi.

Pericoli per la salute

La maggior parte delle persone, secondo il TCS, non si rende ben contro che sotto il sole cocente un veicolo può surriscaldarsi a tal punto da creare seri problemi alla vita umana e a quella degli animali.

A partire dai 40° la permanenza in auto è pericolosa. Un'eccessiva temperatura nell'abitacolo può provocare bruciature della pelle, colpi di calore e addirittura, in casi davvero estremi, la morte.

Problemi anche per l'auto

I periodi di alte temperature mettono a dura prova anche l'auto, soprattutto il motore che è più sollecitato ed esposto a eventuali danni a causa del minor raffreddamento. In caso di canicola è importante tenere d'occhio la temperatura del motore e dell'olio.

Se il livello del liquido di raffreddamento è basso o se si accende la spia che ne indica la mancanza, il TCS raccomanda agli automobilisti di fermarsi il più in fretta possibile e contattare il servizio di soccorso: a volte, bastano 2 km in più per arrecare danni estremamente costosi al motore.

Tornare alla home page