Com’è l’amore nella terza età?

Bruno Bötschi

4.3.2019 - 17:15

Il terapeuta di coppia Klaus Heer parla dell'amore nella terza età: «Nel momento in cui mi aspetto qualcosa, mi sono già creato un grosso problema. Ne sono effettivamente consapevole, ma per me è davvero difficile abbandonare queste aspettative.» (Immagine di archivio)
Keystone

«Meglio sobrio che brillo. Almeno quando si tratta di amore»: il noto terapeuta di coppia svizzero Klaus Heer dice la sua sul sentimento più grande in assoluto, sulle false aspettative e sul sesso nelle relazioni a lungo termine.

Signor Heer, qual è la cosa peggiore delle pene d'amore?

Il fatto che vogliamo assolutamente essere amati. Ed esattamente nel modo che immaginiamo. In realtà, la maggior parte delle persone ha costantemente la sensazione di essere in qualche modo trascurata.

Qual è la sua idea personale dell'amore?

Sono troppo vecchio per fare ancora affidamento su un'idea immaginaria dell'amore. Preferisco basarmi sulle esperienze, soprattutto su quelle che mi hanno insegnato che l'amore non è principalmente una garanzia di benessere, bensì una decisione e un investimento.

È più difficile legarsi sentimentalmente ad una persona in età avanzata?

Difficile da dire. In realtà, affezionarsi è molto facile; creare, invece, un legame duraturo è più impegnativo e richiede molto tempo. L’età è irrilevante in questo senso.

Si dice che l'amore venga vissuto meglio in età avanzata semplicemente per il fatto di avere più esperienza. Tuttavia, con l’avanzare dell’età, gestire una cosa così grande come l’amore diventa senz’altro più difficile. Perché?

Non ho detto che l'esperienza ci renda degli amanti migliori. Ma, invecchiando, ci si rende conto gradualmente che il fatto di aspettarsi che un'altra persona ci renda felici non ha niente a che fare con l'amore vero e proprio.

Sembra una visione piuttosto cupa.

Ma non importa. Meglio sobrio che brillo. Almeno quando si tratta di amore. Il filosofo pessimista Arthur Schopenhauer mi ha influenzato sempre più nel corso degli anni: si dice che abbia detto «Aspettarsi la felicità da una relazione è pura follia». Non si tratta di pessimismo nero, ma piuttosto di un approccio ottimista-realistico.

Klaus Heer si esprime in merito alla terapia di coppia: «Già dal colloquio iniziale, le coppie sprofondano immediatamente nel vortice delle discussioni. Prima di tutto, chiedo ad entrambi da dove vogliano ripartire esattamente per «uscire fuori dal fango».»
Keystone

Quali erano le sue aspettative sull'amore quando era più giovane?

Ho vissuto i miei anni di gioventù in coincidenza con il Groove del 1968. Di conseguenza, le mie idee sul sentimento dell'amore erano confuse. L'amore era un pasto da consumare in fretta. Più che altro qualcosa di eccitante! Il fatto di essere riuscito allora a non mettere incinta accidentalmente nessuna donna single è stata una questione più di fortuna che di intelligenza.

E cosa si aspetta dall'amore oggi?

I miei 76 anni di età e i miei 45 anni come terapeuta di coppia mi hanno portato inevitabilmente ad avere a che fare con un terreno accidentato. Oggi so che «aspettativa» è sinonimo di «problema». Nel momento in cui mi aspetto qualcosa, mi sono già creato un grosso problema. Ne sono effettivamente consapevole, ma per me è davvero difficile abbandonare queste aspettative.

Quando ha finalmente tarpato le ali alle false aspettative?

Ieri sera. Dopo aver visto il programma televisivo «10vor10», mi è venuta improvvisamente voglia di quella crème brûlée che la mia compagna aveva comprato da Migros la settimana scorsa, come dessert da condividere in un momento solo per noi. Poi è saltato fuori che lei l’avesse già offerta ai nostri due nipoti. La mia aspettativa era sbagliata e quello che è rimasto è soltanto una grande frustrazione.

Quali sono le aspettative d'amore delle persone over 50 che vengono nel suo studio per richiedere una consulenza di coppia?

Le situazioni che mi si presentano davanti più di frequente sono legate a delusioni profonde che derivano da tutto ciò che è successo in precedenza durante la storia d'amore. E la domanda alla quale entrambi i partner vogliono trovare una risposta è: fuggire o resistere? Ricostruire il rapporto o disinnamorarsi? Le coppie vogliono svincolarsi da questa morsa e ritrovare il loro filo d'amore.

In che modo aiuta le persone a svincolarsi da questa morsa?

In realtà, li incoraggio soltanto a vedere ciò che è ovvio. Nel cuore delle accuse che si fanno l'un l'altro, scorgo sempre il desiderio di riattivare l'amore. Sono un traduttore di emozioni esperto, non soltanto un consulente.

Andiamo nello specifico: in che modo cerca di riattivare l'amore in una coppia di vecchia data?

Ogni coppia porta con sé le proprie risorse, che possono essere rinvigorite in un nuovo inizio. Ad esempio, quando una coppia di anziani si lamenta di una stanchezza sempre pià preponderante, esploro con loro le possibilità che hanno già in sé: la stanchezza di entrambi può diventare una felicità condivisa.

Lei vanta decenni di esperienza come terapeuta di coppia, dunque ci sono certamente alcuni esempi concreti che lei può menzionare senza essere indiscreto.

Un matrimonio di lunga data è tutt'altro che spettacolare. Così come farlo rinascere. È possibile riuscire effettivamente a risanare il rapporto soltanto partendo dallo status quo della relazione. La stanchezza è spesso la sensazione che affligge una coppia quando entra in terapia. Si tratta di una risorsa non indifferente che è possibile raffinare in modo abbastanza concreto.

Cosa intende per «raffinare»?

Basta stringersi l'uno all'altro, godere del calore e della dolcezza, lasciar prevalere la calma all'interno della coppia. Prendersi cura l’uno dell'altro e sostenersi a vicenda - senza dare più importanza alle cose futili. Scivolare nella quiete lentamente, insieme o uno dopo l'altro, sprofondando nell'incoscienza. È un miracolo fatto per due.

Klaus Heer sul sesso in età avanzata: «Qualsiasi coppia, giovane o vecchia, deciderà a proprio vantaggio quando praticare del sesso che sia appagante, ma davvero appagante, per entrambi. L'eccitazione passa ormai al secondo o terzo piano. A letto, il raggiungimento del piacere per entrambi rappresenta la vera felicità.»
Keystone

Cosa è imperdonabile per lei in una relazione amorosa?

Presumo che, nella pratica, siamo tutti capaci di tutto. Soprattutto nelle nostre relazioni più intime, facciamo prevalere in modo smisurato la durezza di cuore e la freddezza, il disprezzo e lo sdegno, la pressione e l’autorevolezza - spesso anche senza rendercene conto chiaramente. Dunque, fino a che punto si può perdonare? Su questo non esiste un criterio generale vincolante. Capita spesso di raggiungere improvvisamente il limite di sopportazione e di avere paura.

Per un paziente che soffre di dolori lombari, l'assicurazione sanitaria paga nove appuntamenti con il fisioterapista. A quante sedute di psicoterapia di coppia occorre partecipare per riuscire a salvare, rivitalizzare o migliorare un amore di vecchia data?

A volte una singola seduta è sufficiente per far sì che la lampadina si accenda.

Come funziona una seduta di terapia di coppia?

Già dal colloquio iniziale, le coppie sprofondano immediatamente nel vortice delle discussioni. Prima di tutto, chiedo ad entrambi da dove vogliano ripartire esattamente per «uscire fuori dal fango». Due persone che vengono nel mio studio ed esprimono le loro esigenze hanno in mente soluzioni sempre molto diverse tra loro. Il più delle volte, queste idee preannunciano altri problemi piuttosto che nuove soluzioni. Naturalmente, aumentare la consapevolezza di ciò all'interno della coppia la predispone ad un approccio migliore nel valutare il proprio futuro insieme.

Cosa succede dopo?

Durante la consulenza, il primo argomento che viene affrontato è solitamente il percorso che la coppia ha fatto dopo l'ultima discussione. Dopodiché, si analizzano le conclusioni deducibili per mostrare ad entrambi quale percorso potrebbero intraprendere insieme. La relazione è qualcosa che si basa su una pianificazione costante.

Gli incontri sono sempre rivolti alla coppia con la partecipazione di entrambi i componenti o sono previste anche delle sedute individuali?

Non so davvero a cosa possa portare il confronto con uno solo dei due partner. Una coppia riscopre l'amore sempre insieme, non separatamente. E io li assisto in questo.

Quando ritiene che una relazione non si possa più risanare, tende a comunicarlo alla coppia in maniera diretta? O cerca di gestire gli incontri in modo che i partner arrivino da soli alla stessa conclusione?

Non amo molto tentare di «ricucire» le relazioni. Piuttosto, do il mio contributo professionale per rendere il presente e il futuro di due persone più vivibile o comunque degno di essere condiviso. Che questo avvenga come coppia o come due persone single separate, non sono io a deciderlo.

Parliamo del sesso. È diverso in età avanzata?

Non esattamente. Qualsiasi coppia, giovane o vecchia, deciderà a proprio vantaggio quando praticare del sesso che sia appagante, ma davvero appagante, per entrambi. L'eccitazione passa ormai al secondo o terzo piano. A letto, il raggiungimento del piacere per entrambi rappresenta la vera felicità.

Tuttavia, accade a volte che la coppia non pratichi sesso già da un po' di tempo. Come si supera questo problema?

Problema? Questo non è un problema, bensì un dato di fatto. E non è necessario «superarlo». Ci si può convivere. E perfino vivere meglio. Niente di più facile: il piacere per entrambi.

La cantante tedesca Konstantin Wecker ha dichiarato in un'intervista: «Un grande vantaggio della vecchiaia è che non sei per nulla ossessionato da quello che succederà domani, ma sei più concentrato sul presente rispetto a quando sei giovane.»

Capisco. Semplicemente ho il dubbio che l'immaginazione sia più un desiderio pio che una realtà vissuta. Ad ogni modo, le mie paure e le mie angosce non sono diminuite sensibilmente nel corso degli anni. Forse la cosiddetta «saggezza della vecchiaia» è solo una diceria romantica, chi lo sa.

Per quanti anni vorrebbe ancora vivere?

Non voglio invecchiare, ma essere soltanto me stesso. Sono solo più grande. Per quanto tempo potrò vedere con i miei occhi l'inevitabile decadimento del mio corpo, questo non so dirlo. Per ora sta andando ancora piuttosto bene.

Per caso questo ha qualcosa a che fare con il fatto che vive attualmente una relazione amorosa felice?

(Ride) Come fa a sapere che vivo una «relazione amorosa felice»? Ritiene che questo sia obbligatorio per un terapeuta di coppia in là con gli anni? Dico solo questo: anche per me, l'amore senile è un investimento intensivo. La mia relazione rischia di scemare, se mi lascio andare, come quella di tutti gli altri.

Informazioni su Klaus Heer

Klaus Heer si è specializzato in psicoterapia e terapia di coppia dopo aver concluso gli studi in psicologia ad Amburgo e Berna. Nei 40 anni in cui ha lavorato con le coppie, si è guadagnato un'ottima reputazione per le sue capacità in materia di amore, relazione amorosa e sessualità. Ha scritto libri di saggistica come i bestseller «Ehe, Sex & Liebesmüh’» e «Paarlauf. Wie einsam ist die Zweisamkeit?». Il signor Heer vive e lavora a Berna.

Tornare alla home page