Contro la calvizie il junk food del McDonald?

CoverMedia

13.2.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Secondo gli scienziati, un ingrediente contenuto nelle patatine di questa multinazionale è in grado di combattere la perdita di capelli.

In campo nutrizionale sentiamo ripetere in continuazione che mangiare il cibo del fast food fa male alla salute, ma è arrivata una novità che la maggior parte di noi sentirà per la prima volta: le patatine del McDonald's fanno bene alla nostra chioma. In particolare, per prevenire e combattere il problema della calvizie.

Lo riportano gli scienziati dell’università Yokohama National Universit, in Giappone, capitanati dal professor Junji Fukuda. Il team, impegnato nella ricerca di una medicina rigenerativa come terapia per combattere la calvizie, ha trovato qualche difficoltà nella preparazione dei cosiddetti germi del follicolo pilifero – dove avviene la produzione delle cellule che andranno a costituire il capello – in rispetto alla copertura di tutta la testa. In altre parole, per la necessaria produzione di massa di capelli, i ricercatori in laboratorio hanno dovuto ricorrere ad una sostanza chiamata polidimetilsilossano, che si trova, per l’appunto, anche nelle patate fritte della rinomata catena di fast food americana.

La sostanza viene comunemente aggiunta a questo alimento al fine di prevenire la formazione di schiuma nell’olio bollente durante la cottura. L’esperimento, condotto sui ratti, ha offerto straordinari risultati.

«Questi germi del follicolo sono stati in grado di produrre peli e aste del capello dopo l’iniezione effettuata sulla schiena delle cavie», ha spiegato il professor Fukuda, convinto di poter ora iniziare a sviluppare una nuova terapia per curare la calvizie nell’uomo.

«È un metodo semplice, ma anche forte e promettente. Speriamo che tale tecnica possa migliorare la terapia rigenerativa del capello negli esseri umani e curare così problemi di capelli, come la alopecia androgenica (calvizie nell’uomo, ndr). La chiave di questa produzione di massa di follicoli è stata una varietà di materiali substrati come recipienti di coltura. Abbiamo impiegato il polidimetilsilossano come base del recipiente e ha funzionato benissimo».

Tornare alla home page

CoverMedia