Salute

E.coli: si diffonde con una scarsa igiene personale più che con il cibo

CoverMedia

4.11.2019 - 16:08

Una corretta igiene personale è il metodo più efficace per tenere a bada il batterio E.coli
Source: Covermedia

Nel corso degli ultimi 20 anni questo batterio ha sviluppato una maggiore resistenza agli antibiotici.

La nostra igiene personale all’interno della toilette è imprescindibile per tenere a bada malattie ed infezioni causate dal noto batterio E.coli, presente nel nostro regolare microbiota umano, ma sotto alcune forme dannosissimo per la salute. Intossicazioni alimentari, infezioni delle vie urinarie e infezioni intestinali dopo un intervento chirurgico sono tra i più comuni problemi associati all’E.coli.

Secondo gli scienziati, negli ultimi 20 anni il batterio si è evoluto pericolosamente per aumentare la sua resistenza agli antibiotici, i farmaci comunemente impiegati per risolvere e neutralizzare l’infezione.

Un’ampia analisi di campioni di sangue e feci umane, così come di carni animali come di manzo e di maiale, di pollo, ma anche di frutta e verdura, ha rilevato la provenienza della maggior parte dei batteri ESBL-E. coli.

Gli antibiotici sono una risorsa limitata

«La più probabile – e anche la più sgradevole – rotta attraverso cui si trasmette l’ESBL-E.coli è direttamente da essere umano ad essere umano, con le particelle fecali di una persona che raggiungono la bocca di un’altra persona», ha dichiarato il leader dello studio David Livermore, della University of East Anglia. «Dobbiamo comunque continuare a cucinare bene il pollo, e mai utilizzare il coltello impiegato per la carne cruda per l’insalata. Ci sono tanti batteri importanti per le intossicazioni alimentari, inclusi altri tipi di batteri E.coli, che fanno parte della catena alimentare. Ma in questo caso – nel caso dell’ESBL-E.coli – è molto più importante lavare bene le mani dopo aver utilizzato la toilette».

Professor Neil Woodford dell’ente sanitario britannico Public Health England ha aggiunto: «Al fine di limitare infezioni del sangue gravi e più resistenti agli antibiotici come quelle dell’E.coli, dobbiamo concentrarci nel lavaggio delle mani e nel controllo dell’igiene personale. L’uso prudente di antibiotici è essenziale sia per l’uomo che per gli animali, ma gli antibiotici sono una risorsa limitata. È necessario che continuino a funzionare quando ci ammaliamo».

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica The Lancet Infectious Diseases.

Tornare alla home page

CoverMedia