Digitale & Lifestyle

Hedi Slimane accusa i critici di Celine di «omofobia latente»

CoverMedia

5.10.2018 - 13:11

Source: Covermedia

In particolare, il 50enne punta il dito contro un pezzo scritto da Booth Moore per l'Hollywood Reporter, intitolato: «Heidi Slimane: il Donald Trump del Fashion?»

Hedi Slimane ha accusato i critici della nuova Celine di «omofobia latente».

Le controversie sono nate in seguito all’elezione del designer franco-tunisino come nuovo direttore creativo della maison francese, ruolo che secondo alcuni fan della precedente responsabile Phoebe Philo non si addice all’allure dell’etichetta.

Philo era nota per la sua attenzione al look femminile e per le collezioni chic dal tocco rilassato, mentre il lavoro di Slimane è famoso per capi aderenti, in pelle con un anima prettamente rock’n’roll. Ora, in seguito alla presentazione della primavera 2019, i critici commentano di essere rimasti delusi nel vedere una collezione Celine «simile» alle precedenti linee confezionate per Saint Laurent.

«Ricevere queste critiche è sempre sconvolgente mi sembra sempre che le persone parlino di qualcun altro. Inoltre, lo spirito dello spettacolo era leggero e gioioso, ma la leggerezza e l'indolenza sono oggi messe in discussione. Ho già affrontato la stessa situazione a Saint Laurent», ha scritto Hedi Slimane in una email, riportata in seguito da Fashionista.

«Per alcuni in America, ho anche il pessimo gusto di essere un uomo che sta succedendo a una donna. In questo si potrebbe leggere un sottotesto di omofobia latente, che è abbastanza sorprendente. Un uomo che disegna collezioni da donna è un problema?».

In particolare, il 50enne punta il dito contro un pezzo scritto da Booth Moore per l'Hollywood Reporter, intitolato: «Heidi Slimane: il Donald Trump del Fashion?»

«Questo significa che le donne non sono più libere di indossare minigonne se lo desiderano? I paragoni con Trump sono opportunisti, piuttosto audaci e abbastanza comici, solo perché le giovani donne nel mio spettacolo sono liberate e spensierate», commenta Slimane.

«Sono liberi di vestirsi come meglio credono».

Fra i capi proposti alla Settimana della moda da Celine Paris, una serie di mini abiti di paillettes, giacche di pelle e stivali da motociclista.

Tornare alla home page

CoverMedia