Aumento del rischio di ictus

Il pisolino è sano o pericoloso?

Di Alice Lanzke, dpa

24.9.2022

Siesta sì o siesta no?
Siesta sì o siesta no?
archivio KEYSTONE

In alcuni Paesi sono comuni i sonnellini di mezzogiorno. Si dice che il pisolino non sia solo salutare, ma anche in grado di aumentare la produttività. È vero?

Di Alice Lanzke, dpa

24.9.2022

Mentre la siesta è una tradizione in Giappone e in Spagna e sta diventando sempre più popolare anche nella Silicon Valley, è meno comune nel nostro Paese, almeno durante la giornata lavorativa. Eppure un sonnellino diurno è considerato un bene per la concentrazione, la creatività e la produttività. Ma alcuni studi hanno scosso questa immagine positiva.

Per chi fa regolarmente un breve pisolino durante il giorno aumenta il rischio di pressione alta e ictus: con questa osservazione, un recente studio pubblicato sulla rivista «Hypertension» ha scioccato gli amanti del riposino.

Utilizzando dati provenienti dal Regno Unito, gli autori cinesi hanno riferito che i sonnellini diurni frequenti o regolari negli adulti sono associati a un rischio maggiore del 12% di sviluppare ipertensione e del 24% di ictus, rispetto alle persone che non si appisolano mai.

Un segnale precoce di demenza?

Tra gli amanti del pisolino lo studio ha mostrato che ci sono un'alta percentuale di uomini, con un basso livello di istruzione e reddito, fumatori, con una consumazione regolare giornaliera di alcol, che soffrono di insonnia e che tendono a essere persone notturne. 

In un commento, il ricercatore sul sonno Michael Grandner dell'Università dell'Arizona sottolinea che probabilmente non è il pisolino in sé a essere dannoso. Piuttosto, molte persone che fanno un breve sonnellino durante il giorno lo fanno a causa della mancanza di sonno di notte: «Un sonno notturno scarso è associato a una salute peggiore, e un pisolino non è sufficiente a compensare».

La ricerca conferma quindi i risultati di studi precedenti secondo cui «un maggior numero di sonnellini sembra riflettere un aumento del rischio di problemi di salute cardiaca e di altro tipo». Inoltre, una recente ricerca ha rilevato che l'aumento dei pisolini potrebbe essere un segnale precoce di demenza, soprattutto in presenza di un sonno notturno adeguato.

Chi ne beneficia?

Questo non è un motivo per demonizzare la siesta in generale. Uno studio francese ha scoperto che può aumentare nell'immediato la creatività. I ricercatori greci hanno anche osservato che un pisolino di mezz'ora potrebbe addirittura proteggere dalle malattie cardiovascolari, ma solo se lo si fa non più di una o due volte alla settimana, come ha aggiunto una ricerca svizzera.

Inoltre, soprattutto i più giovani sembrano trarre beneficio da un sonnellino diurno. Uno studio statunitense ha dimostrato che hanno un effetto positivo sulla concentrazione e sull'apprendimento degli adolescenti. Ciò è dovuto anche al fatto che spesso hanno un ritmo del sonno spostato: vanno a letto tardi, ma devono alzarsi presto a causa della scuola.

In molti paesi occidentali, tuttavia, la siesta è spesso disapprovata, spiega l'autore principale Xiaopeng Ji dell'Università del Delaware. Lì, il modello di sonno monofasico sarebbe considerato un segno di maturità mentale: «In Cina, l'ora del pisolino è integrata nel programma post-pranzo per molti adulti al lavoro e per gli studenti a scuola».

Non bisogna aspettarsi effetti miracolosi da un pisolino, come suggerisce uno studio della Michigan State University: come scrivono gli autori sulla rivista «Sleep», un breve pisolino non ha quasi alcun beneficio sulle capacità cognitive e soprattutto non compensa una notte di sonno insufficiente. «Abbiamo scoperto che brevi sonnellini di 30 o 60 minuti non hanno avuto effetti misurabili», riassume l'autrice principale Kimberly Fenn.

Ricaricare le batterie, o no?

A prescindere dall'utilità di un pisolino, la necessità di farlo sembra essere in parte genetica. Almeno questo è quanto hanno scoperto i medici del sonno del Massachusetts General Hospital in un ampio studio.

Come riportano i ricercatori nella rivista scientifica «Nature Communications», ci sono tre tipi di persone per le quali il sonnellino è particolarmente importante: in primo luogo, le persone che si alzano molto presto e, poi, quelle che soffrono di disturbi del sonno. Per entrambe, la breve pausa di sonno durante il giorno è necessaria per ricaricare le batterie.

In terzo luogo, ci sono anche persone che hanno bisogno di dormire di più per motivi genetici e quindi amano fare un breve pisolino durante il giorno. «Questo ci dimostra che il sonnellino durante il giorno è determinato biologicamente e non è solo una scelta ambientale o comportamentale», afferma il coautore Hassan Saeed Dashti.

Tuttavia, anche problemi di salute come l'ipertensione o l'obesità pronunciata possono portare a una stanchezza superiore alla media. Sono necessarie ulteriori ricerche sulle cause, che potrebbero anche concentrarsi maggiormente sulle esigenze individuali di riposo, afferma la fisiologa Marta Garaulet, un'altra coautrice. «Il lavoro futuro potrebbe aiutare a sviluppare raccomandazioni personalizzate per la siesta».

Chi dovrebbe fare a meno di un pisolino?

In effetti, studi precedenti sull'argomento suggeriscono che la durata ottimale del sonnellino di mezzogiorno, così come la questione della sua necessità o meno, dipende principalmente da fattori individuali. Soprattutto le persone che soffrono di disturbi del sonno notturno dovrebbero astenersi dal fare un sonnellino, perché altrimenti potrebbero stancarsi anche in tarda serata.

Per questo motivo, è bene non concedersi il sonnellino troppo tardi nella giornata e non riposare troppo a lungo: 20-30 minuti sembrano l'ideale per evitare di scivolare nel sonno REM e sentirsi al risveglio ancora più distrutti di prima.

E secondo i ricercatori australiani, l'effetto rinfrescante dell'ottimo pisolino potrebbe essere aumentato da un trucco sorprendente: se si beve un caffè appena prima e si imposta la sveglia dopo 20 minuti, ci si sveglia con l'esatta carica di caffeina.