Kate Upton e il caso molestie: è una «farsa»

CoverMedia

2.3.2018 - 13:09

Source: Covermedia

Dopo aver scoperto che Paul Marciano ha ingaggiato il suo avvocato personale per le indagini sul caso molestie, la modella ha condiviso su Instagram la propria frustrazione.

Kate Upton è furiosa con Guess.

Il mese scorso la modella ha accusato Paul Marciano di molestie sessuali e cattiva condotta: caso sfociato con un’indagine interna all’azienda e l’allontanamento dello stesso fondatore. Ora la 28enne ha invece condiviso via Instagram di aver scoperto che il legale chiamato per l’accertamento è l’avvocato personale di Marciano.

«Ho appena saputo che Guess ha ingaggiato l'avvocato PERSONALE di Paul Marciano per condurre le sue “indagini interne”», ha scritto la Upton su Twitter.

«Sono davvero scoraggiata nell'apprendere che Guess tratta questo abuso di potere e la cattiva condotta sessuale (nei confronti di più donne) in questo modo».

La modella prosegue definendo l'indagine una «farsa», annunciando che si rifiuta di partecipare come testimone all’inchiesta: «Fino a quando Guess si impegna a condurre un'indagine imparziale, mi rifiuto di partecipare».

Mentre gli investigatori conducono l’indagine, Marciano si è fatto da parte, dichiarando che è disposto a collaborare con i membri del comitato speciale.

«Ho promesso la mia piena collaborazione alla società e per continuare a guidare la società in questo periodo ho la massima fiducia nel nostro chief executive officer, Victor Herrero».

Tornare alla home page

CoverMedia