Le donne che non dormono mangiano di più

CoverMedia

28.2.2020 - 16:10

Young woman at home studying and having pizza When: 07 Nov 2017 Credit: Giorgio Fochesato/Westend61/Cover Images
Source: Giorgio Fochesato/Westend61/Cove

Una nuova ricerca mette in luce il legame tra una scarsa qualità del sonno e un consumo eccessivo di calorie e zuccheri.

Le donne che non dormono bene la notte tendono a mangiare di più, secondo gli scienziati della Columbia University Irving Medical Center.

Il team ha esplorato l’associazione tra una bassa qualità del sonno e il rischio di sviluppare una condizione di sovrappeso e obesità, legata anche ad altri problemi di salute gravi come malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno analizzato le abitudini legate al sonno di 495 donne tra i 20 e i 76 anni, con un focus sul tempo impiegato per addormentarsi, i casi di insonnia e la qualità generale del loro riposo. Tutte le donne fornivano delle informazioni dettagliate sul tipo di cibo consumato e la frequenza con cui lo consumavano.

Secondo i risultati, le donne che soffrivano di insonnia o la cui qualità del sonno era più scarsa, manifestavano una tendenza a mangiare di più e a consumare generalmente più zuccheri di quelli assunti dalle donne che dormivano meglio. Questo consumo è stato fortemente associato anche al rischio di sviluppare malattie del cuore e diabete di tipo 2. Ma anche problemi gastrointestinali, che a loro volta possono aumentare la difficoltà ad addormentarsi.

«Una scarsa qualità del sonno può condurre ad un eccessivo consumo di cibo e un più elevato apporto di calorie perché stimola i segnali che ci trasmettono un senso di fame e sopprime quelli che ci danno una sensazione di pienezza», ha spiegato Faris Zuraikat, leader dello studio. «Sentirci pieni ha un’enorme influenza sul peso e sul volume del cibo che consumiamo. Per questo le donne che soffrono di insonnia tendono a mangiare di più per arrivare a sentirsi piene».

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Journal of the American Heart Association on Monday.

Tornare alla home page

CoverMedia