Louis Vuitton: il Messico interviene sull'uso dei modelli tradizionali

12.7.2019 - 13:10, CoverMedia

When: 11 Jul 2019 **Only for use by WENN CPS**
Source: Covermedia

La sedia prodotta dalla maison francese in edizione limitata presenta immagini ricamate di animali multicolor tipici della comunità di Tenango de Doria.

Louis Vuitton è stato interrogato dai funzionari del governo messicano sull'uso di un modello tradizionale.

Il ministro della cultura messicana ha inviato una lettera alla maison francese dopo aver notato una sedia prodotta della recente collaborazione con i designer di Raw Edges, Yael Mer e Shay Alkalay, e decorata con una stampa di artisti messicani tipica della regione di Hidalgo.

«Ci sentiamo in dovere di chiedere, in maniera rispettosa, se per l'elaborazione della sedia menzionata, avete lavorato insieme alla comunità e ai suoi artisti», cita la lettera, secondo i redattori di Reuters.

Alla luce della controversia, un portavoce di Vuitton, di proprietà di LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton, ha dichiarato di aver raggiunto la comunità di Hidalgo nel tentativo di lavorare insieme in futuro.

«Siamo attualmente in contatto con gli artigiani di Tenango de Doria nello stato di Hidalgo, in Messico. La prospettiva è collaborare insieme per produrre questa collezione», ha commentato un rappresentante di Louis Vuitton.

La sedia in edizione limitata presenta immagini ricamate di animali multicolor tipici della comunità di Tenango de Doria.

Sul sito di Louis Vuitton, nella descrizione della collezione Raw Edges si legge che Mer e Alkalay «si sono ispirati alle tradizionali imbarcazioni di tutto il mondo e al ricco patrimonio di viaggi della Maison».

L'articolo non è più disponibile per l'acquisto.

È la seconda volta in poche settimane che i funzionari del governo messicano richiamano all'attenzione il fashion system per l'utilizzo di modelli e schemi tradizionali.

A giugno, il Ministero della cultura ha interrogato i dirigenti dell'alta moda Carolina Herrera per «appropriazione culturale» di modelli indigeni.

Tornare alla home page

Altri articoli