Il consiglio

Mangiare verdure e bere tè per combattere la perdita di memoria

Covermedia

9.12.2022 - 16:00

Dieta
Dieta

Grazie ai flavonoli presenti in questi alimenti il declino cognitivo legato all’età rallenta.

Covermedia

9.12.2022 - 16:00

Tè, cipolle, broccoli, spinaci rappresentano la chiave di svolta per contrastare il tempo che passa.

La dieta della memoria è a base di cipolle, cavolo riccio, broccoli, spinaci, tè (possibilmente verde). Tutti cibi che contengono i pigmenti naturali flavonoli, le sostanze antiossidanti che, secondo un nuovo studio pubblicato su Rush University Medical Center di Chicago, aiutano a rallentare il declino cognitivo.

La ricerca ha coinvolto 961 persone con un'età media di 81 anni non affette da demenza. Tutti i partecipanti hanno compilato un questionario ogni anno (sono stati seguiti per ben sette anni) sulle loro abitudini alimentari, indicando con quale frequenza consumassero determinati cibi. La memoria è stata valutata annualmente attraverso una serie di test cognitivi che richiedevano di ricordare elenchi di parole, liste di oggetti e numeri e di ripetere il catalogo nell'ordine corretto. I ricercatori hanno tenuto in considerazione altri fattori che avrebbero potuto incidere sulle capacità cognitive dei partecipanti, come il loro livello di istruzione, il tempo dedicato all’attività fisica e l’attitudine a mantenere la mente attiva attraverso la lettura o i giochi di società.

Dopo aver escluso dal campo di indagine altri fattori che avrebbero potuto influenzare i risultati, come l'età, il sesso e il fumo, è emerso che il consumo di favonoli rallentava il fisiologico declino cognitivo legato all’età. Il punteggio delle capacità cognitive delle persone che avevano il più alto apporto di flavonoli diminuiva a un tasso di 0,4 unità per decennio più lentamente rispetto alle persone che assumevano la quantità di flavonoli più bassa.

Anche il consumo di vino, cavoli, arance e pomodori è risultato benefico.

«Il risultato del nostro studio è entusiasmante. Abbiamo osservato che fare determinate scelte dietetiche specifiche può portare a un tasso più lento di declino cognitivo. Qualcosa di semplice come mangiare più frutta e verdura e bere più tè è un modo facile per mantenere la salute del cervello», ha spiegato l'autore dello studio Thomas M. Holland.

Covermedia