Oli naturali: il cinorrodo

CoverMedia

20.2.2018 - 08:34

Source: Covermedia

Ecco i migliori prodotti per il nutrimento e l’idratazione della nostra pelle.

Oggigiorno nel mercato esiste una grande varietà di oli di bellezza naturali, a base di semi, di noci o di fiori. Uno dei nostri prediletti è quello di cinorrodo, proveniente dal seme di una rosa selvatica, la rosa canina, che cresce nel sud delle Ande, in Sudafrica e in alcune parti dell’Europa. È ricchissimo di acidi grassi essenziali, incluso l’acido oleico, palmitico, linoleico e gamma-linoleico (GLA) e si impiega per rimediare ad una vasta gamma di problemi di pelle, dalla disidratazione alle dermatiti.

«L’olio di cinorrodo stimola la rigenerazione delle cellule, aumentando i livelli di collagene e di elastina per una pelle più liscia e soda», ha spiegato Jo Morris, manager del brand bio Saaf Skincare. «Aiuta a ridurre i problemi di iperpigmentazione, le macchie e le cicatrici, promuovendo il rinnovamento della pelle e levigando le smagliature».

Il profumo dell’olio di cinorrodo non è di rosa, ma più terreno, con note di caffè. Il suo colore è tipicamente un rosso/arancio vivace, ma può essere anche più scuro a seconda delle specie di rose.

«L’olio di cinorrodo spremuto a freddo è il più efficace e ha un colore arancione», ha aggiunto la specialista, che tra i prodotti del suo brand vanta il siero al cinorrodo Complexion Boosting Face Serum.

«Quando lo applichiamo sulla pelle ogni giorno ci protegge dai danni dei radicali liberi, associati con l’esposizione alla luce del sole, il clima e l’avanzamento dell’età. L’acido trans-retinoico è una forma naturale di vitamina A, che si trova nei semi di cinorrodo e che promuove il ringiovanimento delle cellule della pelle, riduce la profondità delle rughe, appiana le linee di espressione e schiarisce le macchie dell’età».

Tornare alla home page

CoverMedia