Energia rinnovabile

Presto si spegneranno le luci? Cosa devi sapere sull’approvvigionamento elettrico in Svizzera

Pascal Salina

21.4.2022

Dam Grande Dixence - Worlds highest gravity dam - Switzerland
L’energia idroelettrica è fondamentale per l’approvvigionamento elettrico svizzero: la diga di sbarramento Grande Dixance, alta 285 metri.
Adobe Stock: michaklootwijk

La guerra in Ucraina ha pesanti ripercussioni sul mercato europeo dell’energia elettrica. Qui scoprirai perché è così, cosa significa per noi e perché la Svizzera ha requisiti diversi rispetto ai Paesi confinanti.

Pascal Salina

21.4.2022

La nostra elettricità viene prodotta in diversi modi: che si tratti di laghi artificiali, centrali elettriche fluviali, reattori nucleari, turbine eoliche o pannelli solari, l’elettricità prodotta arriva a noi consumatori attraverso la rete di distribuzione.

Questo mix di energia elettrica – ossia elettricità proveniente da diverse fonti – è attualmente oggetto di accese discussioni. Infatti, in futuro le energie rinnovabili sostituiranno sempre più spesso le centrali elettriche a combustibile fossile. In Europa, la combustione di gas naturale e carbone produce ancora molta elettricità.

Con la guerra in Ucraina, il prezzo del gas naturale è aumentato notevolmente. Poiché la materia prima proviene in gran parte dalla Russia, l’approvvigionamento futuro di gas dell’Europa è incerto. L’UE vuole liberarsi rapidamente da questa dipendenza.

Ma com’è la situazione in Svizzera? In che misura l’approvvigionamento elettrico svizzero dipende dai carburanti fossili? E quanto è sostenibile la nostra produzione di elettricità?

Qui trovi le risposte più importanti alle domande sull’elettricità svizzera:

Qual è la percentuale di elettricità prodotta con il gas naturale nel mix di energia elettrica svizzero?

Molto piccola.

Il mix di energia elettrica svizzero è già composto per tre quarti da energia rinnovabile. Questo valore elevato è dovuto al fatto che la Svizzera è una roccaforte dell’acqua: due terzi del nostro mix energetico provengono da centrali elettriche di laghi artificiali e fiumi. Il vento, l’energia idroelettrica e la biomassa rappresentano insieme un ulteriore 10%.

I combustibili fossili, come il gas naturale, costituiscono solo il 2% del nostro mix di energia elettrica. Questa generazione di energia «termica» è la principale fonte di inquinamento del clima e non è rinnovabile e quindi non è sostenibile.

Ma ancora oggi un quinto della nostra elettricità proviene da centrali nucleari. Pur essendo a impatto climatico zero, l’uranio non è un materiale rinnovabile. Inoltre, dopo la lavorazione si producono rifiuti radioattivi, il cui smaltimento non è ancora stato chiarito.

La guerra in Ucraina rende anche la corrente svizzera più cara?

Sì.

A seconda di dove la tua azienda di distribuzione di energia elettrica acquista la sua energia, per te potrebbe costarti caro. Nel Canton Argovia, a causa della crisi, si prevede un aumento dei prezzi dal 10 al 30% a partire dal 2023, pari a 100-300 franchi all’anno.

L’aumento dei prezzi dell’elettricità era prevedibile già prima della guerra in Ucraina. L’invasione russa del Paese confinante ha ora aggravato tale situazione.

L’aumento dei prezzi del petrolio e del gas si ripercuote tardivamente sul mercato dell’elettricità. Nel gennaio 2021 un megawattora costava ancora 50 franchi, ora sono 200.

Il nostro approvvigionamento elettrico è indipendente dall’estero?

No.

La Svizzera è collegata alla rete elettrica europea e commercia energia elettrica con l’estero – e in modo piuttosto attivo: nessun altro Paese è fisicamente così integrato nella rete interconnessa come la Svizzera. Per questo motivo dipendiamo anche noi dalle fluttuazioni dei prezzi del mercato europeo dell’elettricità.

Il cosiddetto «mix di produzione», cioè la quantità e il tipo di elettricità prodotta, non coincide con il «mix di fornitura», ossia con l’energia che proviene dalla presa. In termini di produzione, le centrali nucleari pesano di più: il 35% dell’elettricità prodotta in Svizzera proviene dalle nostre quattro centrali nucleari. Il mix di produzione presenta quindi una quota di energia rinnovabile inferiore rispetto al mix di fornitura.

Dal 2018 in Svizzera è in vigore la dichiarazione completa. Ciò significa che, l’origine dell’elettricità deve essere chiaramente visibile. La Svizzera importa quasi esclusivamente corrente proveniente da fonti rinnovabili o prodotta a livello nucleare per l’uso proprio. Le garanzie d’origine garantiscono che nel nostro sistema non circoli quasi più elettricità «grigia», cioè di origine non chiara.

La Svizzera registra un surplus di elettricità d’estate, mentre d’inverno, quando i bacini artificiali si svuotano lentamente, c’è un deficit. A conti fatti, nel 2020 la Svizzera ha esportato più elettricità di quanta ne abbia importata.

Il mix di energia elettrica svizzero è sostenibile nel confronto internazionale?

Sì.

In tutta Europa domina ancora la produzione di elettricità fossile: circa i due quinti del mix energetico europeo sono generati dalla combustione di carbone e gas naturale. Solo il 22% dell’elettricità dell’UE proviene da fonti rinnovabili. Ricordiamo che in Svizzera sono tre quarti!

La Svizzera sta bene anche nel confronto con i nostri vicini diretti. La Francia è un paese nucleare: circa il 70 % dell’elettricità prodotta proviene da centrali nucleari. Tuttavia, il mix energetico francese comprende «solo» il 39% di energia nucleare. L’eccedenza viene venduta all’estero, tra l’altro in Svizzera. La Francia è il maggiore esportatore netto di energia elettrica in Europa.

In Germania la situazione è molto diversa: Nel 2021 il nostro vicino settentrionale ha ancora acquistato circa il 40% (!) della sua corrente da fonti fossili: il 20% è stato prodotto da centrali elettriche a lignite, circa il 10% dalla combustione del carbon fossile e un altro 10% da centrali a gas naturale. La quota di energia rinnovabile è del 46% e soprattutto l’energia eolica ha in questo un ruolo importante.

Ma la Germania ha riconosciuto la necessità di agire. Nel 2038 è prevista l’eliminazione del carbone, entro il 2045 il Paese dovrà essere climaticamente neutrale.

In termini di fonti energetiche sostenibili, l’Austria è ben posizionata come la Svizzera: il Paese non possiede centrali nucleari e il mix di energia elettrica è costituito per circa tre quarti da fonti rinnovabili. Poiché l’energia nucleare viene meno, in questo caso i combustibili fossili colmano il vuoto residuo.

Posso acquistare pura energia elettrica ecologica per la mia economia domestica?

È complicato.

I fornitori di energia elettrica offrono ormai diversi prodotti: oltre a un mix di corrente standard, esistono prodotti provenienti esclusivamente da fonti sostenibili, elettricità prodotta a livello regionale o prodotti particolarmente economici costituiti da energia nucleare.

Ma la corrente proveniente dalla presa proviene dallo stesso mix di tutti gli altri. Non puoi decidere come è stata prodotta l’elettricità che carica il tuo cellulare. Per quanto riguarda l’elettricità, non ci sono differenze di qualità. I fornitori garantiscono che il sovrapprezzo dovuto per i prodotti ecologici sarà investito nella produzione di energia elettrica sostenibile. Nel lungo periodo il mix di energia elettrica cambia e aumenta la quota di fonti rinnovabili. In alcuni comuni il mix di corrente standard è già interamente costituito da energia rinnovabile.

Quindi forse acquisti già elettricità sostenibile. Sulla mappa interattiva del panorama elettrico svizzero puoi verificare il mix energetico del tuo comune di appartenenza.

Presto incomberanno scarsità di elettricità e blackout?

La scarsità di elettricità è possibile e il rischio di blackout è basso.

Bisogna distinguere tra carenza di elettricità e blackout. Una carenza di elettricità si verifica quando la disponibilità di corrente è insufficiente per periodi prolungati. Secondo un rapporto della Confederazione, dal 2025 tali carenze potrebbero verificarsi in inverno.

Il Consiglio federale ha pertanto reagito soltanto di recente con un piano di emergenza che dovrebbe essere attuato già dall’inverno 2022/23: le centrali elettriche a gas dovrebbero consentire di compensare rapidamente un approvvigionamento insufficiente della rete. L’obiettivo è quello di superare il periodo fino a quando le soluzioni sostenibili potranno garantire l’approvvigionamento elettrico.

I blackout, invece, possono sempre verificarsi: un grave guasto in una centrale elettrica importante, una catastrofe naturale o un attacco informatico possono paralizzare l’approvvigionamento elettrico di una vasta area. In questo caso si parla di «blackout». Il rischio di blackout rimane tuttavia basso.

Se il mix di energia elettrica è buono, è tutto OK?

No.

Un mix di energia elettrica sostenibile è una buona cosa, ma il consumo di elettricità non è l’unico parametro per le questioni energetiche. Il riscaldamento e l’acqua calda sono responsabili di circa l’80 % del consumo energetico totale delle economie domestiche svizzere. Ed è proprio qui che c’è da recuperare.

Due appartamenti su cinque sono riscaldati a gasolio, uno su cinque a gas. E per molti l’acqua calda viene preparata con la combustione di petrolio (26 %) e gas (16 %). Sebbene il gas naturale sia più ecologico di un riscaldamento a gasolio, entrambi non sono a impatto climatico zero. E sia il petrolio che il gas naturale sono risorse destinate all’esaurimento. Non possiamo quindi fare a meno di un cambiamento nel medio periodo.

L’alternativa ecologica è la pompa di calore: rispetto a un riscaldamento a gasolio, le emissioni annue di CO2 vengono ridotte di dieci volte.

Ciononostante, in futuro il nostro consumo di energia elettrica aumenterà. Ne è un esempio la mobilità, che in futuro sarà alimentata a elettricità anziché a benzina e diesel. È quindi ancora più importante limitare il più possibile il consumo di elettricità altrove, ad esempio con apparecchi a risparmio energetico o strumenti digitali intelligenti che aiutano a risparmiare corrente. Ulteriori consigli sono disponibili qui.


Esempio Swisscom: consumo elevato di energia elettrica rinnovabile

A causa della gestione della rete telefonica e dei server Internet, Swisscom figura tra i primi 10 consumatori di energia elettrica in Svizzera. Da oltre dieci anni l’azienda di telecomunicazioni acquista questa energia esclusivamente da fonti rinnovabili.

Inoltre, l’azienda sfrutta le superfici di cui dispone per la propria produzione di energia elettrica. Swisscom gestisce in tutta la Svizzera 87 impianti solari propri su edifici aziendali e commerciali. Swisscom ne sta progettando un altro alla torre di trasmissione sul Bantiger, nel Canton Berna.

Ma la rete non è tutto ciò che ha bisogno di elettricità: oltre alla gestione della rete elettrica a impatto climatico zero, Swisscom ha recentemente annunciato che saranno compensate tutte le emissioni di gas serra generate durante l’installazione e il trasporto.

Informazioni sul blog della sostenibilità
Pascal Saline è responsabile per la gestione ambientale Swisscom, l’elettricità ecologica e temi rilevanti per il clima.

Qui i collaboratori e gli esperti di Swisscom vi forniscono informazioni aggiornate su uno stile di vita sostenibile e sull’uso competente dei nuovi media. Il portale «blue News» è un’unità aziendale di Swisscom (Svizzera) SA.