Digitale & Lifestyle

Scaglie tra i capelli: è davvero forfora?

CoverMedia

7.11.2019 - 08:31

woman look into the mirror

When: 26 Jan 2012

When: 26 Jan 2012

**Only for use by WENN CPS**
woman look into the mirror When: 26 Jan 2012 When: 26 Jan 2012 **Only for use by WENN CPS**
Source: Covermedia

A volte il cuoio capelluto è semplicemente disidrato e non ha bisogno di trattamenti aggressivi.

Se notiamo delle scaglie di pelle provenire dalla chioma, la maggior parte di noi pensa subito alla forfora. Ma gli esperti del capello avvertono: a volte può trattarsi solo di una semplice disidratazione. Ecco perché è necessario riconoscere il problema prima di agire con la cura.

Secondo Adele Clarke, proprietaria di Spectrum Hair Company e ambasciatrice di OSMO, dobbiamo prima farci qualche domanda.

1.Siamo stati al sole di recente?

La pelle difatti può perdere naturalmente le sue cellule morte e causare un effetto molto simile alla forfora. In questo caso basta uno shampoo esfoliante per risolvere il problema, e poi una buona maschera riparante come OSMO Intensive Deep Repair Mask per restituire l’idratazione perduta.

2.Abbiamo usato lo shampoo secco?

Gli strati di dry shampoo possono causare scaglie molto simili alla forfora.

Una volta escluse queste possibilità, possiamo pensare ad altre condizioni come la dermatite seborroica, che può causare arrossamento e prurito, oppure una infezione fungina, che può provocare questo tipo di irritazione. Si può trattare anche di una dermatite, normalmente causata da un’intolleranza o un’allergia, oppure eczema o psoriasi.

Adele suggerisce di trattare l’area interessata in un modo molto semplice (ed economico), cioè con il bicarbonato di sodio, da usare a mo’ di esfoliante. Questa polverina bianca naturale è altamente purificante e contiene anche delle proprietà antifungine e detox.

Massaggiamo poi con l’olio di cocco e lasciamo agire per 5 minuti. A questo punto massaggiamo ancora e risciacquiamo, facendo un lavaggio normale, con shampoo e balsamo.

Al posto del balsamo possiamo anche combinare l’aceto di mele con acqua (la stessa quantità di ambedue gli ingredienti) per un trattamento naturale super idratante e calmante, sia per i capelli che per il cuoio capelluto. Dopo l’applicazione risciacquiamo abbondantemente con acqua e non resterà nessun odore.

«Tutte queste opzioni sono molto più gentili con i nostri capelli rispetto alle formule antiforfora. Chiediamo al dottore se non funzionano o se abbiamo bisogno di qualcosa di più forte, ma teniamo a mente che al personale medico non interessa quanto abbiamo speso nel nostro colore!», avverte la pro. «Trattiamo sempre per primo il cuoio capelluto e mettiamo il colore come seconda priorità».

Tornare alla home page

CoverMedia