Sigarette elettroniche: raddoppia l’uso tra i teenagers

CoverMedia

27.9.2019 - 16:10

Symbolic picture smoking with e-cigarette, Germany, city of Seesen, 10. March 2017. Photo: Frank May Where: Seesen, Niedersachsen, Germany When: 10 Mar 2017 Credit: Frank May/picture-alliance/Cover Images
Source: Frank May/picture-alliance/Cover

Lo studio conferma una crescente epidemia di malattie respiratorie legale al vizio del fumo delle cosiddette e-cigarettes.

Il numero di adolescenti che fumano le sigarette elettroniche è raddoppiato nel corso degli ultimi anni.

I ricercatori della Università del Michigan hanno analizzato i dati dello studio del 2019 chiamato Monitoring the Future Survery, che ha coinvolto 42.531 partecipanti di un'età compresa tra i 13 e i 18 anni, negli USA.

«Questi prodotti introducono la nicotina, sostanza che causa molta dipendenza, nel corpo e nel cervello ancora in sviluppo di questi giovani», ha dichiarato la dottoressa Nora Volkow, direttrice del National Institute on Drug Abuse in uno statement. «Ed ho il timore che questo sia solo l’inizio delle analisi sui possibili rischi per la salute dei più giovani».

Secondo i risultati, oltre il 25% degli studenti che frequentano l’ultimo anno delle scuole superiori e più del 20% degli adolescenti del primo anno, hanno fumato nel corso dell’ultimo mese. Uno su 11 (età 13-14 anni) fuma la sigaretta elettronica.

L’allarme lanciato dal leader dello studio, dottor Richard Miech, è urgente: «I genitori di ragazzi adolescenti dovrebbero iniziare a fare più attenzione a questi aggeggi, che hanno l’aspetto di un hard drive per il computer, e sono comunemente disponibili in diversi sapori», spiega Miech. «I leader nazionali devono assistere i genitori implementando norme e programmi di prevenzione dell’uso di questi prodotti tra teenagers».

Negli Stati Uniti la preoccupazione verso le malattie respiratorie legate al vizio del fumo di queste e-cigarette è crescente. Sette giovani individui hanno di recente perso la vita a causa di una grave infezione polmonare, e sono stati riportati oltre 380 casi di persone affette da polmonite in 36 diversi Stati americani. Gli esperti di salute prevedono un incremento fino a 500 persone nel corso dell’anno.

Tornare alla home page

CoverMedia