Verdure: fanno bene, ma condite

CoverMedia

1.12.2017 - 13:03

When: 24 Jul 2017 Credit: Food Centrale Hamburg/Cover Images When: 24 Jul 2017 Credit: Food Centrale Hamburg/Cover Imag **Only for use by WENN CPS**
Covermedia

(Cover) - IT Fitness & Wellbeing - Che le verdure facessero bene già si sapeva, ma che fossero ancora più salutari con un tocco di «grassi» in più, può sembrare una novità alla maggior parte di noi, anche i più salutisti.

Ebbene, secondo una nuova ricerca condotta presso la Iowa State University, USA, un cucchiaio d’olio è sufficiente a rendere le verdure più nutrienti e benefiche per la salute del nostro corpo. Questo tipo di grassi devono tuttavia essere «buoni»: il team di ricerca, capitanato dalla professoressa Wendy White, ha scoperto che l’aggiunta d’olio di semi di soia può contribuire al miglior assorbimento di ben 8 diversi micronutrienti benefici per il nostro organismo. Di conseguenza, un’insalata non condita, ci offrirà meno vantaggi (inclusi quelli relativi al gusto!).

«Il modo migliore di spiegare questa scoperta è immaginando di aggiungere una quantità pari due volte maggiore di condimento, renderà il suo valore nutrizionale di due volte superiore».

Negli oli vi sono sostanze altamente nutritive tra cui i carotenoidi alfa e i beta caroteni, la luteina e il licopene (appartenenti alle vitamine del gruppo E e K). In più, l’olio promuove l’assorbimento di vitamina A, l’ottavo micronutriente analizzato nello studio, che si forma nell’intestino dagli alfa e beta caroteni.

I risultati migliori sono stati ottenuti con una porzione d’olio pari a circa 32 grammi, che equivale a poco più di due cucchiai. Il team di ricerca raccomanda a tutti gli amanti delle verdure di non superare la dose consigliata.

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica American Journal of Clinical Nutrition.

Cover Media

Tornare alla home page

CoverMedia