Il consiglio

Vi sentite giù? Essere gentili può aiutare

Covermedia

20.1.2023 - 16:05

Compiere buone azioni può essere particolarmente utile per chi soffre di depressione o ansia.

Covermedia

20.1.2023 - 16:05

Non c'è dubbio che aiutare gli altri ci faccia sentire bene.

Ma secondo una nuova ricerca della Ohio State University, compiere atti di bontà può essere particolarmente benefico per chi soffre di depressione o ansia.

«Il legame sociale è uno degli ingredienti della vita più fortemente associati al benessere. Compiere atti di gentilezza sembra essere uno dei modi migliori per promuovere queste connessioni», ha detto il coautore dello studio David Cregg, mentre la professoressa di psicologia Jennifer Cheavens ha aggiunto: «Spesso pensiamo che le persone affette da depressione abbiano già abbastanza da affrontare, quindi non vogliamo appesantirle chiedendo loro di aiutare gli altri. Ma questi risultati vanno in senso contrario. Fare cose belle per le persone e concentrarsi sui bisogni degli altri può effettivamente aiutare le persone con depressione e ansia a sentirsi meglio con se stesse».

Per lo studio, il team ha analizzato oltre 120 persone con sintomi da moderati a gravi di depressione, ansia e stress.

A due gruppi sono state assegnate tecniche spesso utilizzate nella terapia cognitivo-comportamentale (CBT), mentre il terzo gruppo è stato istruito a compiere tre atti di gentilezza al giorno per due giorni alla settimana.

Tra questi, preparare biscotti per gli amici, offrirsi di accompagnare qualcuno e lasciare biglietti per i coinquilini.

Dopo 10 settimane, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti di tutti e tre i gruppi mostravano un aumento della soddisfazione di vita e una riduzione dei sintomi di depressione e ansia.

«Questi risultati sono incoraggianti perché suggeriscono che tutti e tre gli interventi dello studio sono efficaci nel ridurre il disagio e migliorare la soddisfazione», ha aggiunto Cregg.

«Ma gli atti di gentilezza hanno mostrato un vantaggio rispetto alle attività sociali e alla rivalutazione cognitiva, facendo sentire le persone più connesse con gli altri, che è una parte importante del benessere».

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su The Journal of Positive Psychology.

Covermedia