Il disastro ambientale

Drammatico scioglimento del ghiacciaio nel «terzo polo del pianeta»

AP

14.11.2018

Alcuni turisti fanno un selfie davanti al ghiacciaio Baishui No. 1 in Cina.
dpa

Un rumore assordante squarcia la nebbia che sovrasta il ghiacciaio Baishui No. 1. Un pezzo di roccia scivola sul ghiaccio e passa a un soffio dal geologo Chen Yanjun, colpendo il suo dispositivo GPS. Altri blocchi si staccano dal colosso di ghiaccio. Secondo gli scienziati, questo è uno dei ghiacciai del mondo che si scioglie più velocemente. «Non dovremmo restare qui», dichiara Chen, 30 anni. «La sicurezza prima di tutto.»

Chen attraversa il paesaggio arido che un tempo era sepolto sotto il ghiacciaio. Oggi, questo terreno roccioso è disseminato di bottiglie di ossigeno. Esse sono state abbandonate dai turisti che hanno visitato la massa di ghiaccio situata a sud della Cina, a 4750 metri di altitudine.

La bellezza ghiacciata dello Baishui attira ogni anno milioni di curiosi. Il gigante di ghiaccio si situa all'estremità sud-est di ciò che chiamiamo il terzo polo della terra. Dopo l'Antartico e la Groenlandia, questa regione dell'Asia centrale ospita la terza più grossa massa glaciale del pianeta. Si estende per circa 1000 chilometri quadrati.

I ghiacciai del terzo polo rivestono un'importanza vitale per miliardi di persone, dal Vietnam all'Afghanistan. I dieci più grandi fiumi d'Asia, tra cui il fiume Blu, il fiume Giallo, il Mekong e il Gange, sono alimentati dalle acque derivanti dagli scioglimenti stagionali.  

Le drammatiche ripercussioni sono già osservabili

«Si tratta di una delle principali fonti d'acqua dolce del mondo», spiega Ashley Johnson, responsabile del programma energetico presso il National Bureau of Asian Research, un gruppo di riflessione americano. «A causa dello scioglimento, una gran parte dell'acqua dolce lascia la regione in direzione del mare, cosa che avrà gravi conseguenze per la sicurezza acquatica e alimentare.»

Per via del cambiamento climatico, oggi è necessario un grado in più rispetto a prima dell'industrializzazione. Secondo un nuovo rapporto del Gruppo di esperti intergovernativi sull'evoluzione del clima (GIEC), ciò potrebbe condurre allo scioglimento di una massa compresa tra il 28 e il 44 per cento dei ghiacciai del nostro pianeta. E le temperature rischiano ancora di aumentare.

Già oggi, le conseguenze per il ghiacciaio Baishui sono drammatiche. Secondo gli scienziati, infatti, esso ha perso circa il 60 per cento della sua massa e si è ritirato di 250 metri dal 1982.

Nel 2015, alcuni ricercatori hanno riportato il fatto che l'82 per cento dei ghiacciai osservati in Cina si erano sciolti, cosa che rischiava di avere conseguenze sempre più gravi per le risorse acquatiche della Repubblica popolare.

«La Cina ha sempre avuto un problema di approvvigionamento di acqua potabile, poiché ospita il 20 per cento della popolazione mondiale, ma dispone soltanto del sette per cento di acqua dolce disponibile su scala mondiale», spiega Jonna Nyman, professore di sicurezza energetica all'università di Sheffield. «Le conseguenze del cambiamento climatico non fanno che aggravare il problema.» Nel massiccio dello Yulong Xue Shan, nella provincia cinese dello Yunnan, sono già diversi anni che alcuni scienziati osservano modifiche dovute al riscaldamento climatico.

27 metri in meno ogni anno

Negli ultimi dieci anni, un'equipe di ricercatori ha constatato che il Baishui si ritirava ogni anno di circa 27 metri. Sono così spuntati alcuni fiori, tra cui il loto delle nevi, come spiega Wang Shijin, glaciologo e direttore della stazione di ricerca dello Yulong, che fa parte di una rete dell'Accademia cinese delle scienze.

La stazione, situata nella periferia della città di Lijiang, che conta 1,2 milioni di abitanti, serve da abitazione a Wang e ai suoi collaboratori: il geologo e operatore di droni Chen, la dottoranda in glaciologia Zhou Lanyue e l'ingegnere elettrico Zhang Xing. Dopo pranzo, l'equipe parte per la sua missione del giorno in minibus. Una teleferica trasporta i ricercatori fin sulla cima del massiccio dello Yulong Xue Shan, con la sua veduta maestosa.

L'equipe passa davanti a una fila di turisti. Un buon numero di vacanzieri indossa dei poncho rossi. Mentre la maggior parte di turisti si affida alle bottiglie di ossigeno, molti altri vomitano a causa del mal di montagna.

 I collaboratori di Wang cominciano col sostituire una stazione metereologica difettosa. I ricercatori raccolgono dati sulla temperatura, la velocità del vento, le precipitazioni e l'umidità dell'aria. Altri ricettori misurano la corrente dei fiumi alimentati dalle acque derivanti dallo scioglimento.

L'indomani, i membri dell'equipe dotano le loro scarpe di borchie per reperire il resto dei ricettori. Il loro equipaggiamento continua ad essere danneggiato dal freddo, la pioggia, le tempeste, le cadute di pietre e i movimenti del ghiacciaio.

Limite di 10'000 visitatori al giorno

«Precisamente qui dove ci troviamo noi, nel 2008 tutto era ancora coperto di ghiaccio», spiega Wang. «Sul fianco del ghiacciaio, da qui fino in basso, il ghiacciaio è indietreggiato dai 20 ai 30 metri circa. Non è poco.» Un quarto del ghiacciaio, oltre che quattro dei 19 ghiacciai della zona sono scomparsi.

Le modifiche subite dal ghiacciaio Baishui permettono di sensibilizzare i visitatori al cambiamento climatico, come spiega Wang. Secondo alcuni dati ufficiali, ben 2,6 milioni di turisti hanno visitato la massa glaciale l'anno scorso. Per proteggere il ghiacciaio, le autorità hanno limitato il numero di visitatori a 10'000 al giorno e hanno proibito la pratica della scalata. Inoltre, per rallentare il fenomeno dello scioglimento, vogliono aumentare l'umidità dell'aria utilizzando la neve artificiale e costruendo delle barriere.

Il guardiano Yang Shaofeng ha assistito con i propri occhi al ritiro di questa massa di ghiaccio, che il suo popolo, la minoranza cinese dei Naxi, considera come sacra. Si ricorda ancora che un tempo, poteva vedere il bordo inferiore del ghiacciaio dal suo villaggio natale. Quest'epoca è sfortunatamente passata.

«Oggi, possiamo vedere soltanto se saliamo in altitudine», spiega Yang con tristezza. Al suo fianco, alcuni turisti fanno la fila per far incidere il loro nome su un medaglione decorato con la foto del ghiacciaio. Un'immagine che sfortunatamente oggi non esiste più.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page