Serie tv

Iain Armitage («Young Sheldon»): «Mi comincia a piacere la matematica!»

tsch

26.9.2018

Interpreta la versione giovane di Sheldon Cooper, protagonista della serie «The Big Bang Theory». Iain Armitage (10 anni), che sullo schermo è «Young Sheldon», ci parla del suo ruolo, della collaborazione con Jim Parson e della sua vita quotidiana da bambino-star.

Nei primi minuti, soltanto la voce e la sagoma ci permettono di affermare che abbiamo a che fare con un bambino di appena dieci anni. Iain Armitage, che ci ha concesso un'intervista in un lussuoso hotel di Berlino, mostra una professionalità sorprendente, come nel caso di altre generazioni di bambini-star, arrivate prima di lui. La disciplina e la precocità sono qualità perfette per il ruolo del nerd «Young Sheldon», che il giovane attore interpreta nello spin-off della serie «The Big Bang Theory». Attualmente in piena fase di promozione, è obbligato a seguire un'agenda molto fitta. I responsabili delle relazioni pubbliche lo martellano di domande, mentre dietro di lui la mamma - produttrice teatrale - vigila. Il contesto stesso chiede già moltissimo al ragazzino. Siamo quasi sollevati nel vedere Iain Armitage dondolarsi continuamente sulla sedia durante l'intervista; nel constatare che, malgrado il grande rigore, può ancora lasciarsi andare all'entusiasmo tipico dell'infanzia. Dopotutto, di fronte a noi c'è un normale bambino originario di Arlington, in Virginia.

«Bluewin»: Nel corso della promozione di «Young Sheldon», puoi vedere molti Paesi. È la prima volta che vieni qui?

Iain Armitage: È la prima volta che vengo a Berlino e la trovo splendida. Abbiamo già potuto visitare un po' la città e mi hanno dato un modellino di Lego della Porta di Brandeburgo. 

Hai avuto molti scambi con Jim Parsons, l'interprete di Sheldon adulto, per il tuo ruolo?

Sì, moltissimi. È stato sempre presente. Mi ha guidato e mi ha insegnato molte cose su Sheldon. Mi ha aiutato parecchio. Mi ha spiegato il modo in cui Sheldon si avvicina a determinate cose. Ma ha anche detto che avevo capito molto da solo. Jim è davvero molto simpatico.

È stato lui a sceglierti per il ruolo di «Young Sheldon»?

Ho partecipato alle audizioni ed era presente. Ero particolarmente emozionato! Poi mi ha richiamato per dirmi che avevo ottenuto la parte: ero al settimo cielo! (ride) Penso di essere anche stato molto fortunato: al casting avevano partecipato molti altri bambini talentuosi, che avevano fatto degli ottimi provini.

Iain Armitage in immagini

È difficile interpretare un personaggio come Sheldon?

Sheldon è un personaggio il cui modo di pensare è molto difficile da comprendere. Non ha una personalità semplice. Gli altri ruoli che mi sono capitati finora lo erano di più, anche perché avevo potuto partecipare alla loro creazione. Sheldon, invece, era già un personaggio stabilito. È stata dura, ma mi sono divertito molto.

Quale parte del ruolo di Sheldon hai trovato più complicata?

L'intero personaggio in realtà. Dopotutto, Sheldon resta Sheldon! (ride) È stata una sfida tosta, ma sono stato contento. Spero di continuare a migliorarmi in futuro.

Cosa hai in comune con Sheldon?

Vediamo... Entrambi amiamo la scienza. Non siamo dei grandi sportivi. Ci piacciono i libri. Anche se io non sono un patito di fumetti come Sheldon. Ma comincia a piacermi la matematica! Come lui, mi piacciono le cose complicate, come la successione di Fibonacci o la sezione aurea.

Ti consideri un nerd?

Faccio alcune cose che la maggior parte delle persone considera da nerd. Ad esempio, non mi piace lo sport, cosa che molti bambini trovano strana. E leggo dei libri. Mi piace poi molto il teatro, ma questa non è una roba da nerd. E devo dire che anche Sheldon, per me, non lo è necessariamente.

E cos'è allora?

È una persona nata con un modo di pensare diverso rispetto alla maggior parte delle persone. Le sue idee vengono formulate in modo diverso. È per questo che è in grado di risolvere equazioni complesse e fare altre cose particolarmete folli. Per questo lo considerano un nerd, anche nella sua famiglia. Ma io non la penso così.

Ti capita di calarti nei panni di Sheldon per comprendere meglio il ruolo? Farlo ti aiuta?

Sì. Anche imitare la voce di Sheldon mi aiuta molto. Ho sviluppato un timbro particolare. Mi basta essere sulla scena e ripetere il mio testo per entrare nella pelle del personaggio. Abbiamo una scena per la casa di Sheldon e una per il resto. Quando mi trovo lì assieme a tutti gli attori e altri membri della troupe, mi sembra davvero di essere Sheldon.

Non è stressante a volte essere al centro dell'attenzione?

Non troppo. Non soffro particolarmente lo stress, ed è una grande fortuna. Tuttavia, il fatto di essere continuamente circondato da tutta questa gente non mi è indifferente, anche se la cosa è diventata una routine ormai per me. In pratica ho due case: quella dei Cooper e l'appartamento che abbiamo affittato a Los Angeles. Lì ho tutti i miei giocattoli. E quando mi trovo sulla scena, trovo quelli finti. (ride)

Il ruolo di Sheldon ha anche cambiato la tua vita?

Non così tanto. Sapevo già parecchie cose sulla televisione e sulla carriera da attore prima. Tuttavia, è la prima volta che giro cinque giorni alla settimana; nove ore e mezzo di riprese al giorno, pause incluse, e almeno tre ore di scuola al giorno. Ma, in realtà, lavoro realmente solo quattro-cinque ore al giorno, per cui non è terribile.

Ti piace la scuola?

Sì, adoro la scuola. E Reagan [Raegan Revord interpreta Missy, la sorella gemella Sheldon, NDR] anche. (ride) La mia istitutrice è bravissima! E non sono obbligato a seguire tutti i corsi che non mi piacciono. Al loro posto, faccio delle cose interessanti, esperimenti scientifici o simili. Studiamo anche la matematica, la storia, la letteratura. E poi mezz'ora è dedicata al diverimento: un giorno abbiamo fabbricato dei fidget spinner con del gallio. Che è come il mercurio, ma non è tossico.

Nella serie, Sheldon e Missy hanno una relazione particolare tra fratello e sorella. Anche nella vita reale hai dei rapporti con Reagan Revord, l'interprete di Missy?

Siamo dei buoni amici. Adoriamo fare paura alle persone e scherzare insieme. (ride) Ci piace anche litigare per finta. Mai sul serio. Siamo estremamente idulgenti l'uno con l'altra. Forse torneremo anche in piscina: nell'hotel ce n'è una. (ride)

Iain Armitage e Raegan Revord sono fratello e sorella in «Young Sheldon». E sono amici anche nella vita reale.
Getty Images

Hai dei modelli nel cinema e nella tv?

La televisione non la guardo molto. Nessuno mi ha realmente influenzato. I miei modelli sono piuttosto gli attori di teatro. Tuttavia, anche i miei colleghi sul set mi ispirano molto. In tutto, siamo in 125 sulla scena ed è grazie a noi tutti se «Young Sheldon» funziona.

Hai già avuto parecchie mamme in tv. Ce n'è una che ti ha colpito particolarmente?

Ciascuna ha avuto delle qualità, mi sono piaciute tutte! Ho un sacco di finte mamme, è divertente. Voglio bene a tutte: sono al contempo molto diverse e estremamete simili. Certo, ho anche la mia vera mamma, che è super. Non vorrei che si dispiacesse se parlo troppo di quelle finte. (ride)

Tutto ciò che non sapete ancora su «The Big Bang Theory»

Tornare alla home page