Incontro con i cercatori d'ambra in Polonia

DPA

21.11.2018

La Polonia è uno dei paesi con il maggior numero di giacimenti d'ambra al mondo. Dopo ogni tempesta, cercatori amatoriali di tesori, scandagliano le spiagge del Mar Baltico alla ricerca di questa piccola pietra scintillante.

Nella mano di Violetta Celejewska brillano alcune pietruzze di ambra gialla, rossa e arancione. La donna le raccoglie su di una spiaggia del Mar Baltico durante le sue vacanze a Krynica Morska. La prima pietra l'avrebbe trovata «del tutto casualmente» e così è nata la sua passione per la caccia alle pietre d'ambra.

Per Violetta la ricerca di queste pietre è qualcosa di inebriante. «Ho scavato nella sabbia per tre giorni per trovarne di più», spiega ammirando i suoi preziosi sassolini, formatisi dalla resina in diversi milioni di anni. Secondo l'Accademia Polacca delle Scienze (PAN), la Polonia è uno dei paesi, insieme alla Russia, con il maggior numero di giacimento d'ambra al mondo.

Tuttavia tali giacimenti non vengono sfruttati. «La maggior parte dell'ambra viene raccolta sulla spiaggia», spiega Katarzyna Kwiatkowska, direttrice del dipartimento dell'ambra all'interno del Museo della Terra dell'accademia. Ogni anno vengono raccolte fino a sei tonnellate d'ambra, scrive l'Istituto nazionale di geologia.

Giacimenti d'ambra in tutto il paese

Dopo le tempeste autunnali e primaverili i cercatori d'ambra hanno maggiori possibilità di trovare i loro tesori. «Il mare non smette mai di riversare pietre d'ambra sulla spiaggia», spiega Katarzyna. Coloro che non se ne intendono possono passare inconsapevolmente accanto a questi piccoli tesori la cui superficie assomiglia spesso a quella di una pietra qualunque. L'esperta ci spiega come distinguerle: l'ambra è più leggera e risulta sempre calda al tatto, anche quando fa freddo.

«Ci sono voluti almeno 40 milioni di anni perché la resina morbida di trasformasse in ambra», spiega l'archeologa affascinata. Un giorno gli alberi hanno iniziato a secernere questo liquido vischioso soprattutto per riempire le fessure delle loro cortecce. In seguito al contatto prima con l'acqua marina e poi con la sabbia o la terra, questa resina si è trasformata in ambra. Alcune pietre contengono addirittura degli insetti. «In questo caso si tratta di tracce di vita risalenti a diversi milioni di anni fa», sottolinea la Federazione polacca dell'ambra.

Secondo l'istituto di geologia, i più grandi giacimenti polacchi di cui si sia a conoscenza si trovano nella città portuale di Gdańsk e nella regione occidentale di Lublin. In teoria, se ne possono trovare in tutto il paese, spiega Katarzyna Kwiatkowska. Un tempo, infatti, l'attuale Polonia era completamente ricoperta dal mare.

Il fisco vorrebbe trarne profitto

Se le autorità consentono ai cercatori d'ambra amatoriali di conservare i loro piccoli ritrovamenti, occorre un'autorizzazione per condurre ricerche su larga scala con una squadra si professionisti, spiega Ewa Wieczorek delle autorità marittime di Szczecin. Inoltre, le pietre più grosse devono essere dichiarate presso le autorità locali. «I giacimenti d'ambra di grande valore rinvenuti in acqua o terra diventano di proprietà del fisco se non viene identificato nessun altro proprietario.»

Resta il fatto che le imprese polacche non sono affatto interessate allo sfruttamento dell'ambra. I costi sarebbero troppo elevati, così come il rischio di non trovare nulla, spiega Katarzyna Kwiatkowska. «A differenza del carbone, non siamo in grado di stabilire il quantitativo d'ambra presente in un dato luogo, sempre che ce ne sia», aggiunge l'esperta. Mentre la vicina enclave di Kaliningrad, in Russia, ospita delle miniere di ambra, i giacimenti polacchi sono situati più in profondità e ricoperti di sabbie mobili che avrebbero portato al riempimento delle miniere.

Fino a 320 franchi per cinque grammi d'ambra

La Polonia è nota in tutto il mondo anche per la lavorazione della pietra. Il paese è leader nel settore dei gioielli in oro e argento ornati da dettagli in ambra, spiega Michal Kosior, direttore della Federazione internazionale dell'ambra a Gdańsk. Con le sue numerose forge e gioiellerie, questa città è considerata la capitale polacca dell'ambra. Anche se i gioielli polacchi vengono esportati soprattutto in UE e Cina, sono molto apprezzati anche nel resto del mondo.

Gli esperti considerano l'ambra del Baltico come la più bella e resistente. I gioiellieri la lavorano facilmente, spiega Michal Kosior. A seconda della dimensione e della qualità, cinque grammi d'ambra possono valere circa 320 franchi. Quanto a Violetta Celejewska, non ha alcuna intenzione di vendere le pietre che ha raccolto sulla spiaggia. «Le conserverò come ricordo delle mie vacanze», spiega sorridente.

Nelle terre degli strani «Spomenik»

Tornare alla home page