Commercio al dettaglio

Tutti le cooperative Migros si rifiutano di vendere alcolici

jh

16.6.2022 - 08:08

La Migros non venderà bevande alcoliche in futuro: si sono pronunciati in tal senso i votanti di tutte e dieci le cooperative del grande gruppo del commercio al dettaglio.
Keystone

La Migros non venderà bevande alcoliche in futuro: si sono pronunciati in tal senso i votanti di tutte e le cooperative del gigante del commercio al dettaglio. Il «no» è stato davvero massiccio in alcune regioni del Paese.

jh

16.6.2022 - 08:08

In nessuna delle dieci cooperative regionali è stata raggiunta la maggioranza di due terzi dei sì, che sarebbe stata necessaria per abolire il divieto di consumo di alcolici negli statuti, come ha annunciato giovedì la Migros.

Ciò significa che gli elettori si sono espressi chiaramente a favore del mantenimento della tradizione analcolica della Migros.

Un tasso di «no» molto alto, tranne che in Ticino

Nella maggior parte delle regioni, la domanda è stata respinta con particolare chiarezza. Nella cooperativa Migros di Zurigo, ad esempio, l'80% dei votanti s'è dichiarato contrario all'abolizione del divieto sugli alcolici. Anche nelle cooperative di Aare, nella Svizzera orientale, a Basilea, a Lucerna e a Neuchâtel-Friburgo il «no» ha superato il 70%.

Gli elettori del Canton Ticino sono stati i più aperti all'abolizione del divieto di consumo di alcolici, visto che quasi il 45% si è espresso a favore. La proposta non ha ottenuto più del 40% di «sì» in nessun'altra regione. 

Non è stata una sorpresa

La questione della vendita di alcol, avviata dalla base Migros circa un anno fa, è quindi fuori discussione per il prossimo futuro. «I soci della cooperativa si sono dichiarati a favore di un aspetto tradizionale sulla tematica dell'alcol», ha dichiarato in un comunicato stampa la presidente di Migros Ursula Nold.

Il risultato non è stato una sorpresa: diversi sondaggi precedenti avevano mostrato che la maggioranza degli elettori avrebbe probabilmente messo un «no» nelle urne.

DUe fazioni ben distinte

La votazione ha suscitato grandi polemiche e ha diviso il mondo Migros in due fazioni. La stessa direzione di Migros ha sottolineato il cambiamento della situazione sociale e delle abitudini dei consumatori: Se i clienti acquistassero alcolici presso un grande distributore, vi farebbero anche rifornimento di generi alimentari, è stata l'argomentazione a favore dell'abolizione del divieto sugli alcolici.

Poiché Migros perderebbe una parte significativa del suo paniere di prodotti, l'anno scorso cinque delegati della Federazione delle cooperative Migros (Migros-Genossenschaftsbund MGB) hanno avviato una modifica dello statuto. In autunno, 85 dei 111 delegati hanno votato a favore del cambiamento. Successivamente, i comitati delle dieci cooperative regionali Migros hanno approvato la proposta, aprendo la strada a una votazione a livello nazionale da parte dei soci della cooperativa.

Gli oppositori hanno fatto leva sull'eredità del fondatore Gottlieb Duttweiler, che aveva deciso di non vendere bevande alcoliche quando Migros fu fondata nel 1928. Hanno anche sostenuto che la Migros era un luogo in cui gli alcolisti secchi in particolare potevano fare acquisti senza pericoli. «Le persone con problemi di alcolismo possono ancora oggi fare acquisti alla Migros senza entrare in contatto con l'alcol e la pubblicità dell'alcol», afferma ad esempio la Croce Blu.

jh