Oscar a Brando

50 anni dopo l'Academy chiede scusa a «Piccola piuma»

SDA

16.8.2022 - 16:33

Sacheen Littlefeather alla cerimonia degli Academy Awards del 27 marzo 1973. "Piccola Piuma" parlò al posto di Marlon Brando, che si rifiutò di ritirare l'Oscar come migliore attore protagonista ne "Il Padrino" (foto d'archivio).
Sacheen Littlefeather alla cerimonia degli Academy Awards del 27 marzo 1973. "Piccola Piuma" parlò al posto di Marlon Brando, che si rifiutò di ritirare l'Oscar come migliore attore protagonista ne "Il Padrino" (foto d'archivio).
Keystone

L'Academy si scusa con Sacheen Littlefeather, «Piccola piuma», 50 anni dopo i suoi 60 secondi esplosivi sul palco degli Oscar al posto di Marlon Brando, che si rifiutò di ritirare il premio come migliore attore protagonista per «Il Padrino».

SDA

16.8.2022 - 16:33

Quando, nel marzo 1973, Brando ricevette l'Oscar come miglior attore protagonista per il suo ruolo nell'epopea mafiosa «Il Padrino», «Littlefeather», «Piccola piuma», salì sul palco in abito tradizionale Apache e mocassini e scatenò un putiferio con un discorso di 60 secondi: Brando non poteva accettare il premio «a causa del trattamento riservato oggi agli Indiani d'America dall'industria cinematografica», dichiarò.

La nativa americana, all'epoca 26enne, oggi 75enne, fece un discorso durissimo contro i maltrattamenti subiti dalla sua comunità e fu accolta da una valanga di fischi e insulti razzisti dal pubblico presente in sala.

La star del cinema western John Wayne si trovava nel backstage e avrebbe dato in escandescenze per l'esibizione dell'attivista.

Durante gli Academy Awards di quell'anno, i membri del cosiddetto Movimento degli Indiani d'America (AIM) occuparono il villaggio di Wounded Knee nella riserva di Pine Ridge, nello stato del South Dakota. La spettacolare performance di Littlefeather ha portato ulteriore attenzione internazionale all'azione di AIM.

Negli anni successivi al suo storico momento agli Oscar, tuttavia, è stata ridicolizzata, discriminata e aggredita verbalmente, ha riferito Littlefeather.

Molto è cambiato dal 1973: «Profondamente incoraggiante»

Lunedì l'Academy ha reso pubblica una lettera del 18 giugno all'attivista e attrice, in cui David Rubin - all'epoca ancora presidente dell'Academy - si scusava. Il discorso di Littlefeather agli Oscar è stato «una dichiarazione potente» che «continua a ricordarci la necessità del rispetto e l'importanza della dignità umana», ha scritto.

«Gli abusi che hai subito per il tuo discorso sono stati ingiustificati e totalmente inappropriati», ha scritto Rubin annunciando un evento per il 17 settembre a Los Angeles con l'attrice Apache per «parlare, celebrare, guarire».

«Il tributo emotivo che avete subito e il costo della vostra carriera nel nostro settore sono irreparabili. Per questo, ci scusiamo sinceramente ed esprimiamo la nostra profonda ammirazione» termina Rubin.

Littlefeather ha espresso la sua gioia. È stato «profondamente rincuorante vedere quanto sia cambiato da quando non ho accettato l'Oscar 50 anni fa», ha condiviso l'attrice.

«Per quanto riguarda le scuse dell'Accademia, noi Indiani siamo persone molto pazienti: sono passati solo 50 anni», ha aggiunto Littlefeather con una strizzatina d'occhio. «Dobbiamo sempre mantenere il nostro senso dell'umorismo. È la nostra strategia di sopravvivenza».

SDA