Spettacolo

Amber Heard avrà accesso alle cartelle cliniche di Johnny Depp

CoverMedia

6.11.2019 - 11:10

Giffoni Film Festival 2019 - Day 7 Featuring: Amber Heard Where: Giffoni Valle Piana, Campania, Italy When: 25 Jul 2019 Credit: KIKA/WENN.com **Only available for publication in UK, Germany, Austria, Switzerland, USA**
Source: KIKA/WENN.com

L'attrice punta a dimostrare i problemi mentali e la dipendenza da alcol e droghe dell'ex marito, nella causa che la vede imputata per diffamazione.

Ennesimo capitolo nella velenosa battaglia legale tra Amber Heard e Johnny Depp.

L’attrice ha chiesto e ottenuto l’accesso alle cartelle ciniche dell’ex marito, che testimonierebbero i problemi di salute mentale e l’abuso di droghe e alcol del divo de «I Pirati dei Caraibi».

Depp ha denunciato la Heard per diffamazione, chiedendole un risarcimento danni da 50 milioni in seguito a un articolo, apparso su The Washington Post, in cui la 33enne - pur non facendo il nome dell’ex marito -, si definiva una «vittima di violenza domestica».

I due, come è noto, hanno divorziato nel 2016 in seguito alle accuse di abusi da parte della star di «Aquaman».

Depp si è sempre dichiarato innocente, rispedendo al mittente ogni accusa.

I legali hanno chiesto a un giudice della Virginia di poter accedere alle informazioni, che potrebbero tornare utili all’attrice nel processo contro l’ex coniuge.

Nelle carte legali, ottenute dal The Blast, si legge: «La condizione mentale (di Depp; ndr) in combinazione con il suo sfrenato utilizzo di alcol e droghe erano inestricabilmente connesse agli abusi di cui ha sofferto per mano sua».

«Il rapporto di Johnny con la realtà è oscillante, dipendeva dalla sua interazione con l’alcol e la droga - ha spiegato l’attrice -. Man mano che la paranoia di Johnny, le delusioni e l'aggressività aumentavano durante la nostra relazione, aumentava anche la mia consapevolezza del suo continuo abuso di sostanze».

Per Johnny, le aggressioni, sarebbero soltanto frutto della fantasia di Amber, mentre secondo quest’ultima il 56enne non ricorderebbe per via dei suoi problemi mentali o perché sotto effetto di sostanze all’epoca dell’accaduto.

Il caso va avanti.

Tornare alla home page

CoverMedia