Andrea Camilleri ha «paura» del successo

CoverMedia

23.2.2018 - 16:33

Source: Covermedia

Lo scrittore che ha creato l’iconico commissario Montalbano dichiara: «A dire la verità questo consenso mi fa paura».

Andrea Camilleri è titubante nei confronti del successo riscosso dal suo commissario Montalbano.

Il fandom del poliziotto nutre un amore così profondo, che la fiction prosegue oramai ininterrotta da 10 anni sempre interpretata da Luca Zingaretti, ma nonostante successo Camilleri non abbandona il tono ironico.

«A dire la verità questo consenso mi fa paura» afferma lo scrittore siciliano a Vanity Fair.

«Non vorrei che un giorno sotto casa urlassero: “Montalbano, Santo subito!”».

Oltre alla serie tv è in arrivo su RaiUno il 26 febbraio «La mossa del cavallo. C’era una volta Vigata», il primo film tv tratto da un romanzo storico del 92enne, una storia ambientata nella Sicilia del 1887 dominata da banditi, assassini, malfattori, corrotti di bassa e alta estrazione.

«La mossa del cavallo è un romanzo duro ed è una critica a uno degli errori più grossi dell’Italia post-unitaria – spiega il suo autore – i contadini venivano trattati come briganti, ma erano semplicemente contadini arrabbiati. La tassa sul macinato era odiosa, e a quella fu aggiunta la leva obbligatoria che toglieva braccia giovani alla terra. Per tre volte dopo l’Unità in Sicilia fu proclamato lo stato d’assedio. Fu uno degli errori più gravi del governo nazionale».

Tornare alla home page

CoverMedia