Ben Affleck

Ben Affleck: non avrebbe successo senza il supporto del collega e amico Matt Damon

Covermedia

22.1.2022 - 13:10

Ben Affleck

Com'è noto, Ben e Matt condividono l'Oscar per la migliore sceneggiatura originale per «Will Hunting – Genio ribelle» del 1997.

Covermedia

22.1.2022 - 13:10

Ben Affleck non pensa che sarebbe stato in grado di avere una carriera cinematografica di successo senza il supporto del suo amico d'infanzia Matt Damon.

Il regista di «Argo» ha incontrato la star di «The Bourne Identity» quando aveva otto anni e viveva vicino a Cambridge, nel Massachusetts. I due amici in seguito hanno frequentato lo stesso liceo e si sono aiutati a vicenda a perseguire la loro carriera di attori. Com'è noto, Ben e Matt condividono l'Oscar per la migliore sceneggiatura originale per «Will Hunting – Genio ribelle» del 1997.

Di recente Affleck ha detto a Damon, che lo ha intervistato durante un profilo per Entertainment Weekly, che non pensa che sarebbe stato in grado di navigare la sua carriera e fama senza che il suo amico d'infanzia gli coprisse le spalle attraverso alti e bassi.

«Non so se solo per me sarebbe stato possibile fare questo lavoro in questo mondo, senza qualcuno con cui sono cresciuto e che ho amato. Qualcuno che conoscevo, che mi amava e mi guardava le spalle, che credeva in me e che non avrebbe cambiato quello che pensava di me nonostante la popolarità dei miei film o quello che la gente diceva di me», ha dichiarato Affleck.

«Questa amicizia è stata essenziale e determinante e così importante per me nella mia vita. Ci sono stati alcuni momenti critici, che sono privati e che non voglio condividere – ammette Ben – ma in cui il tuo supporto è stato per me così profondamente significativo che non credo che sarei stato in grado di avere successo senza di esso» .

Damon ha deviato il complimento scherzando sull'impostazione dell'intervista su Zoom, aggiungendo che sono in «un fan club dell'uno per l'altro».

Entrambi hanno chiuso l'intervista dicendo all'altro «Ti voglio bene».

Covermedia