Televisione

Chef Rubio conferma il suo addio alla tv: «Una mia scelta»

CoverMedia

11.11.2019 - 16:07

Gabriele Rubini
Source: Covermedia

L’esperto di cibi Gabriele Rubini dice addio al suo ruolo nello show «Camionisti in trattoria», annunciando la decisione ai fan con un messaggio dal tono polemico.

Chef Rubio ha ufficialmente detto addio a «Camionisti in trattoria».

Dopo le insistenti voci di corridoio, che negli ultimi giorni suggerivano un possibile licenziamento dell’esperto di cucina da parte della direzione di Discovery Channel, arriva un messaggio chiarificatore da parte dell’ex rugbista. Dove spiega che la scelta di chiudere col programma è solo sua.

«I motivi per cui ho deciso di interrompere Camionisti in trattoria sono molteplici e non starò qui a motivarli visto che di certe cose si parla (e si è già parlato) nelle apposite sedi», si legge nella dichiarazione ufficiale di Chef Rubio pubblicata sui social.

«Di certo posso dirvi che è stata l'unica cosa giusta da fare e per correttezza nei vostri confronti che sempre mi sostenete con fiducia, e per coerenza nei confronti del percorso professionale e di vita che sto facendo. Vi basti sapere però che non avevo più la serenità, le motivazioni e l'energia per continuare a girare un qualcosa in cui sentivo di aver già dato tutto».

Rubio prosegue affermando di non essere più sereno e di fronte alla telecamera, preferendo quindi passare il testimone al suo successore.

Tuttavia, riserva qualche tagliente parola a chi ha esultato nel vederlo uscire di scena.

«Chiudo dedicando un pensiero ai bifolchi e alle caciottare che scrivono di me: da 6 anni a sta parte mi hanno proposto le conduzioni di quasi tutti i programmi televisivi che conoscete e se non me c'avete visto e mai me ce vedrete è solo perché nel nome della coerenza so dire "No grazie" - rivela il 36enne di Frascati -. Quindi quando parlate di me o vi informate meglio oppure tacete perché altrimenti fate solo delle ricchissime figure di m****».

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia