Dieta vegetariana: un toccasana per il cuore a qualsiasi età

Covermedia

24.9.2021 - 16:10

Mangiare più verdure aiuta a prevenire le malattie cardiache. Parola degli esperti.

Covermedia

24.9.2021 - 16:10

Secondo i risultati di due nuovi studi, mangiare cibi di origine vegetale mantiene il cuore sano a qualsiasi età.

La ricerca, pubblicata sul Journal of the American Heart Association, analizza il consumo di vegetali nei giovani e negli adulti.

Secondo il report, adottare una dieta vegetariana riduce il rischio di contrarre malattie cardiovascolari sia nei giovani adulti che nelle donne in post-menopausa.

Lo studio ha analizzato se il consumo a lungo termine di una dieta vegetariana a partire dalla giovane età adulta è associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari nella mezza età.

Il Dr. Yuni Choi – autore principale dello studio e ricercatore post-dottorato nella divisione di epidemiologia e salute della comunità presso la School of Public Health dell'Università del Minnesota a Minneapolis – insieme ai colleghi ha esaminato la dieta e l'insorgenza di malattie cardiache in oltre 4.940 adulti.

I partecipanti avevano dai 18 ai 30 anni quando sono stati reclutati (1985-1986) ed erano soggetti sani, senza malattie cardiovascolari in essere.

Hanno scoperto che 289 dei partecipanti hanno sviluppato una qualche forma di malattia cardiovascolare.

Tuttavia quelli che avevano optato per un maggior consumo di vegetali nella loro dieta quotidiana avevano il 52% di probabilità in meno di sviluppare malattie cardiovascolari.

«Una dieta nutrizionalmente ricca e centrata sulle piante è benefica per la salute cardiovascolare. Una dieta centrata sulle piante non è necessariamente vegetariana», ha detto Choi.

«Le persone possono scegliere tra alimenti vegetali che siano il più vicino possibile al naturale, non altamente trasformati. Riteniamo che gli individui possano includere prodotti animali con moderazione di volta in volta, come pollame non fritto, pesce non fritto, uova e latticini a basso contenuto di grassi».

Un altro studio ha valutato se le diete di un ampio gruppo di donne in postmenopausa, che includevano alimenti a base vegetale con indicazioni sulla salute approvate dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, fossero associate a un minor numero di malattie cardiovascolari.

La dieta includeva noci, proteine ​​vegetali di soia, fagioli o tofu, fibre solubili viscose di avena, orzo, gombo, melanzane, arance, mele e bacche, steroli vegetali da alimenti arricchiti e grassi monoinsaturi presenti nell'olio di oliva e di colza e avocado.

La ricerca ha rilevato che coloro che seguono la dieta hanno l'11% in meno di probabilità di sviluppare qualsiasi tipo di malattia cardiovascolare, il 14% in meno di probabilità di sviluppare malattie coronariche e il 17% in meno di probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca.

Covermedia