Dr. Dre: negato l’ordine restrittivo all’ex moglie

Covermedia

14.3.2021 - 09:33

Dr. Dre

La mozione è stata sottoposta a un giudice di Los Angeles che ha bocciato la richiesta per «prove insufficienti».

Covermedia

14.3.2021 - 09:33

Il giudice ha negato l’ordine restrittivo richiesto dall’ex di Dr. Dre.

Nicole Young afferma di aver temuto per la sua incolumità in seguito a un attacco verbale da parte del rapper, che si è scatenato contro la donna in uno snippet registrato per il suo nuovo brano con il musicista KXNG Crooked.

Nella clip, Dr. Dre accusa Nicole di aver giocato sporco nella loro battaglia di separazione: in particolare mentre il musicista era ricoverato in ospedale a seguito di un aneurisma cerebrale subito a gennaio 2021.

Il testo incriminato, cita: «(Lei stava) cercando di uccidermi con quelle bugie e quello spergiuro / Io in terapia intensiva / Vedo che cerchi di farmi fuori mentre sono in chirurgia», e proseguendo con le accuse, aggiunge: «(Mi trovo in) terapia intensiva / Sono su un letto di morte, ma con un po’ di soldi / Tr*ia avida, fai una scelta / Ragazza, sai come fare soldi».

Secondo TMZ, l'avvocato della Young, Samantha Spector, ha messo agli atti il testo della canzone. La Young afferma che attraverso la traccia Dre ha «alzato la posta e ora mi sta minacciando apertamente di tenere la bocca chiusa».

Il legale della donna afferma che il nuovo brano, e le precedenti accuse di Young relativi ad abusi domestici, avrebbero garantito l'ordine protettivo.

Tuttavia, Dre, che ha sempre negato le sue accuse di violenza, sostiene di aver visto l’ultima volta Nicole lo scorso giugno durante il suo ricovero.

La mozione è stata sottoposta a un giudice di Los Angeles questa settimana ma la richiesta è stata respinta a causa di «prove insufficienti».

Covermedia