Dylan O’Brien: «Dopo l’incidente sul set di Maze Runner volevo ritirarmi»

CoverMedia

17.10.2020 - 09:34

Dylan O'Brien at the world premiere of the movie 'Bumblebee' at the TCL Chinese Theater. Los Angeles, 09.12.2018 Where: los Angeles, Kalifornien, United States When: 09 Dec 2018 Credit: Dave Starbuck/Geisler-Fotopress/picture-alliance/Cover Images
Source: Dave Starbuck/Geisler-Fotopress/

Quattro anni fa la tragedia che ha segnato fisicamente e psicologicamente l’attore lanciato dalla serie tv Teen Wolf.

Dylan O'Brien, protagonista della saga di «Maze Runner», ha ricordato l'incidente che lo ha visto protagonista sul set del terzo film della saga fantascientifica.

L'attore ha spiegato come l'accaduto abbia riequilibrato la sua vita ma ha ammesso anche di aver pensato di ritirarsi completamente dal mondo dello spettacolo.

Quattro anni fa, nel 2016, mentre si trovava a Vancouver per le riprese del terzo capitolo della serie cinematografica, O'Brien è stato investito da un'automobile, riportando numerose fratture che lo hanno costretto ad un ricovero d'urgenza.

«Avevo amici che mi erano così cari che sentivo di aver trascurato per anni», ha spiegato O'Brien durante un nuovo episodio del podcast "Big Ticket". «All'improvviso, è stato molto importante per me coltivare quelle relazioni e non perderle. Penso che un incidente del genere riequilibri e riorganizzi completamente il modo in cui vedi la tua vita e ciò che ritieni importante».

Il 29enne ha raccontato che oggi è molto attento alla sicurezza sul set e di analizzare tutto nei minimi dettagli.

«Ogni volta che devo mettermi su qualche piattaforma ne esamino ogni singolo pezzo, e faccio anche di più».

Dylan ha dichiarato anche che a seguito dell’incidente, se deve girare una scena un po’ più particolare e di azione, si sente spesso in ansia.

«Perfino fino a oggi se mi trovo sul set e devo fare uno stunt. Se sono su una piattaforma e devo girare una scena d’azione mi sento piuttosto irritabile. C’è una certa sensazione di ansia dentro di me che non penso svanirà mai».

Tornare alla home page

CoverMedia