Emmy 2019: trionfano «Il trono di spade» e «Fleabag» 

CoverMedia

23.9.2019 - 09:32

Il numerosissimo cast de «Il trono di spade» sul palco del Microsoft Theater per l'edizione 2019 degli Emmy Awards. 
Source: Keystone

Nella notte, a Los Angeles, sono stati assegnati gli Emmy Awards 2019 che hanno incoronato le migliori serie televisive dell'anno. 

Con quattro statuette, a trionfare nella 71esima edizione degli Oscar della tv, è stata «Fleabag», incoronata Miglior serie nella categoria comedy; sugli scudi anche Phoebe Waller Bridge, creatrice e scrittrice dello show, che si è aggiudicata il titolo di Miglior attrice in una serie comedy.

Al Microsoft Theater di Los Angeles, è stata l’ultima volta per «Il trono di spade», terminato quest’anno dopo 8 stagioni. L’acclamata serie tv ha vinto due premi, tra cui il titolo di Migliore serie drammatica. Tre statuette anche per «Cherbobyl», incoronata Migliore miniserie.

Peter Dinklage ha battuto ogni record, diventando la prima star ad aggiudicarsi per la quarta volta il titolo di Migliore attore non protagonista in una serie drammatica per «Il trono di spade», mentre Billy Porter è il primo uomo nero e apertamente gay a trionfare come Migliore Attore in una serie drammatica, «Pose».

Gloria anche per Michelle Williams, premiata come Miglior attrice in una miniserie per «Fosse/Verdon».

Di seguito tutti i premi della 71esima edizione degli Emmy Awards:

Miglior drama: Il Trono di Spade

Miglior comedy: Fleabag

Miglior miniserie: Chernobyl

Miglior film-tv: Black Mirror: Bandersnatch

Miglior attore di una serie drama: Billy Porter, Pose

Miglior attrice di una serie drama: Jodie Comer, Killing Eve

Miglior attore di una serie comedy: Bill Hader, Barry

Miglior attrice di una serie comedy: Phoebe Waller-Bridge, Fleabag

Miglior attore non protagonista di una serie drama: Peter Dinklage, Il Trono di Spade

Miglior attrice non protagonista di una serie drama: Julia Garner, Ozark

Migliore attore non protagonista di una serie comedy: Tony Shalhoub, The Marvelous Mrs. Maisel

Miglior attrice non protagonista di una serie comedy: Alex Borstein, The Marvelous Mrs. Maisel

Miglior attore in una miniserie o film-tv: Jharrel Jerome, When They See Us

Miglior attrice in una miniserie o film-tv: Michelle Williams, Fosse/Verdon

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film-tv: Ben Whishaw, A Very English Scandal

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film-tv: Patricia Arquette, The Act

Miglior regia per una serie drama: Jason Bateman, Ozark (Reparations)

Miglior regia per una serie comedy: Harry Bradbeer, Fleabag (Episode 1)

Miglior regia per una miniserie o film-tv: Johan Renck, Chernobyl

Miglior sceneggiatura per una serie drama: Jesse Armstrong, Succession (Nobody is ever missing)

Miglior sceneggiatura per una serie comedy: Phoebe Waller-Bridge, Fleabag (Episode 1)

Miglior sceneggiatura per una miniserie o film-tv: Craig Mazin, Chernobyl

Miglior guest star femminile di una serie drama: Cherry Jones, The Handmaid’s Tale

Miglior guest star maschile di una serie drama: Bradley Whitford, The Handmaid’s Tale

Miglior guest star femminile di una serie comedy: Jane Lynch, The Marvelous Mrs. Maisel

Miglior guest star maschile di una serie comedy: Luke Kirby, The Marvelous Mrs. Maisel

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia