Harvey Weinstein tenta di violentare una modella: nuove accuse di abusi sessuali

Covermedia

29.3.2021 - 13:07

Harvey Weinstein

Hayley Gripp ha denunciato l’ex mogul cinematografico per averla aggredita in una suite dell’hotel Beverly Hilton nel novembre 2012, quando aveva solo 19 anni.

Covermedia

29.3.2021 - 13:07

L'avvocato di Harvey Weinstein ha respinto una nuova accusa di violenza sessuale promossa da Hayley Gripp.

La donna ha intentato una causa contro l’ex magnate del cinema (ora in carcere) presso la Corte Superiore della California a Los Angeles.

La Gripp accusa Weinstein di averle usato violenza in una suite dell'hotel Beverly Hilton nel novembre 2012, quando aveva solo 19 anni.

Nei documenti legali ottenuti da TMZ, la Gripp ha spiegato di essere stata avvicinata da una donna dell’entourage di Weinstein mentre aspettava di prendere pate ad un casting nelle vicinanze.

Le due donne hanno quindi iniziato a discutere delle sue aspirazioni lavorative nel mondo dello showbiz, così come della sua lotta contro la sindrome di Tourette.

La collaboratrice di Weinstein convinse l’aspirante attrice ad incontrare il grande produttore, presentandolo come Dom.

Durante il meeting (però) le è stato servito un bicchiere di vino, che presumibilmente conteneva una sostanza illegale, poiché le fece perdere i sensi.

Una volta recuperato lo stato di coscienza, la Gripp trovò Weinstein che le toccava la vagina e si masturbava, mentre lei era schiacciata su un tavolino.

A quel punto la Gripp reagì rompendosi un'unghia che usò per pugnalare Weinstein nello scroto.

L’assistente del produttore, che era stata «di guardia» fuori dalla stanza, diede la colpa dell’accaduto alla Gripp (riconducendo l’incidente alla sindrome di Tourette) e intimandole di tenere la bocca chiusa sull'incontro perché nessuno le avrebbe creduto.

La Gripp ha assicurato di non avere idea dell’identità di Weinstein in quel momento: solo nel 2017 quando è salito alla luce della ribalta per la sua cattiva condotta sessuale, ha capito con chi aveva avuto a che fare.

Il suo avvocato, Eric Lerner, ha detto al New York Post che alla Gripp è stato successivamente diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico e che ora pretende giustizia.

«Questa causa riguarda la signora Gripp che rivendica il suo potere, diventando una sopravvissuta, non una vittima, e ottenendo il risarcimento per i crimini sessuali perpetrati contro di lei. Ha subito dei danni reali che sono duraturi», ha detto Lerner.

«Harvey Weinstein, insieme a coloro che lo hanno aiutato a perpetrare questi crimini di violenza sessuale e tentato stupro contro la signora Gripp, devono essere ritenuti responsabili di averle rovinato la vita», ha continuato.

Tuttavia, l'avvocato di Weinstein, Imran H. Ansari, ha risposto all'azione legale, dichiarando innocente il suo cliente.

«Il signor Weinstein nega categoricamente le accuse mosse contro di lui nella denuncia, e intende difendersi con forza contro la causa», ha assicurato Ansari in una dichiarazione.

Weinstein sta già scontando una pena detentiva di 23 anni a New York in seguito alla sua condanna per lo stupro del 2013 dell'hairstylist Jessica Mann e per aver praticato con la forza sesso orale sull'ex assistente di produzione di Project Runway, Miriam 'Mimi' Haleyi nel 2006.

Il produttore è anche in attesa di essere estradato a Los Angeles, dove verrà processato per 11 accuse di stupro mosse da cinque donne per incidenti che si sono verificati in California oltre un decennio fa.

Se condannato, rischia 140 anni di carcere a vita.

Covermedia