«Il Cantante Mascherato», Milly Carlucci: «Ascolti in calo? Irrispettoso parlarne»

Covermedia

18.2.2021 - 15:34

Milly Carlucci

La conduttrice esclude un cambio di programmazione per il suo show del venerdì sera, nuovamente battuto dal «Grande Fratello Vip».

Milly Carlucci non ci sta e rimanda al mittente le critiche rivolte al suo show del venerdì sera «Il Cantante Mascherato».

In termini di ascolto si registra un netto calo rispetto alla prima edizione del programma: la terza puntata su Rai 1, in onda il 12 febbraio, ha ottenuto un 15.5% di share, venendo battuto dal «Grande Fratello Vip», su Canale 5.

«In realtà sono state tre serate molto particolari, incassate in questa lunga crisi di Governo che ha determinato un’alterazione del palinsesto – ha dichiarato la Carlucci a Tiscali -. Siamo arrivati alla prima puntata senza avere i tradizionali appuntamenti nel pomeriggio che aiutano ad agganciare il pubblico. Inoltre la scorsa settimana abbiamo preso la linea al 10% di share. E ovviamente c’è una bella differenza rispetto a una partenza al 18%».

«Bisogna tenere conto del periodo che stiamo vivendo e del fatto che il pubblico di Rai1 è metodico e abitudinario. Se quindi queste abitudini vengono cambiate, il nostro pubblico e in particolare le donne, non seguono l’ondeggiamento del palinsesto e fanno altro».

Sulla scelta del venerdì e non del sabato sera, Milly commenta: «L’anno scorso è stato scelto il venerdì perché il sabato sera devi fare delle serate lunghissime per essere competitivo con la concorrenza che va avanti fino a tardi. Mentre Il Cantante Mascherato è un format più rapido. Poi certo anche il venerdì il nostro competitor, il Grande Fratello Vip va avanti fino a notte fonda con la differenza che l’anno scorso siamo più o meno partiti in contemporanea mentre quest’anno va avanti da oltre 5 mesi. Di sicuro ci si muove in un panorama televisivo insolito».

Milly esclude categoricamente un cambio di serata per migliorare gli ascolti ed evitare così la sfida con il GF Vip.

«Rai1 non funziona in questa maniera. E, vista la stagione, consideriamo il nostro risultato con grande soddisfazione. Fare ragionamenti sui mezzi punti di share mi sembra irrispettoso rispetto a ciò che la gente sta vivendo. Noi cerchiamo di regalare qualche ora di distrazione».

Tornare alla home page

Covermedia