Con l’elogio a Hitler

Kanye West segna il suo definitivo declino

Di Jan-Niklas Jäger

3.12.2022

Kanye West non fa mistero delle sue simpatie naziste (foto d'archivio).
Kanye West non fa mistero delle sue simpatie naziste (foto d'archivio).
KEYSTONE/AP Photo/Michael Wyke

Con le sue recenti dichiarazioni, il rapper – un tempo un influente artista – Kanye West aka «Ye» ha finito per isolarsi. Ecco la rovina di una superstar.

Di Jan-Niklas Jäger

3.12.2022

Dopo che Kanye West, che si fa chiamare solo «Ye», ha dichiarato la sua simpatia per Adolf Hitler e ha negato l'Olocausto nello show di giovedì del teorico della cospirazione di destra Alex Jones, sembra essersi definitivamente isolato nel mondo dei media e degli affari.

Il boss di Twitter Elon Musk ha sospeso l'account di Ye dopo averlo riattivato a novembre. In precedenza, il rapper aveva pubblicato un simbolo che mostrava una simbiosi tra una svastica e una stella di David.

Anche il servizio di notizie conservatore «Parler», che Ye voleva acquistare, ha dichiarato l'accordo un fallimento.

Gli scandali continuano a crescere

Ye ha fatto notizia per i suoi comportamenti molto prima che virasse verso le teorie del complotto di destra, come quando ha strappato il microfono dalla mano di Taylor Swift durante il discorso di accettazione agli MTV Video Music Awards del 2009 per annunciare che Beyoncé meritava il premio.

Ma con il suo sostegno pubblico all'allora presidente Donald Trump, dal 2016 ha iniziato un riavvicinamento con la destra che ha eclissato scandali come questo, raggiungendo ora un nuovo apice.

Che ruolo gioca la salute mentale di Ye?

Le condizioni di salute mentale del rapper complicano ulteriormente le cose poiché soffre di disturbo bipolare, come rivelato dalla sua ormai ex moglie Kim Kardashian.

Kanye West visita il neoeletto Donald Trump nella sua Trump Tower a Manhattan nel 2016 (foto d'archivio).
Kanye West visita il neoeletto Donald Trump nella sua Trump Tower a Manhattan nel 2016 (foto d'archivio).
KEYSTONE

«Le parole e i comportamenti d'odio sono offensivi e inappropriati, indipendentemente dal fatto che provengano da qualcuno con o senza una malattia mentale», scrive la psicologa Allison Young del sito web dedicato alla salute Everyday Health. «Ma quando qualcuno sta avendo una riacutizzazione grave della malattia mentale, è anche problematico non riconoscere che la condizione di quella persona contribuisce al suo comportamento».

Isha Metzger, professoressa di psicologia all'Università della Georgia, ha dichiarato in un'intervista al «Washington Post»: «Il razzismo in sé non è una malattia mentale». Ecco perché una diagnosi non è una scusa. «Queste opinioni non sono un sintomo di disturbo bipolare. Ma l'abbandono di un filtro interno può farle esternare».

Ciberbullismo e antisemitismo

Anche prima dei suoi tonfi antisemiti, Ye ha provocato numerose reazioni negative con il suo comportamento: ha usato i suoi account sui social media per bullizzare Pete Davidson, il comico con cui la sua ex moglie è uscita fino all'agosto 2022. Più di recente, ha utilizzato la sua piattaforma principalmente per diffondere teorie cospiratorie antisemite.

Quanto in basso sia caduta la stella della musica difficilmente può essere espresso a parole. Non molto tempo fa c'erano pochi altri musicisti che ricevevano contemporaneamente così tanti elogi dalla critica musicale e da un pubblico di massa. All'inizio dell'ultimo decennio era forse la più grande star dell'industria musicale.

I trionfi artistici

Il suo album del 2010 My Beautiful Dark Twisted Fantasy è considerato una pietra miliare. «Rolling Stone» lo ha definito il miglior album del decennio nel 2019. In una classifica dei migliori album di tutti i tempi pubblicata dalla rivista nel 2020 ha raggiunto il 17° posto. Nel 2015 ha collaborato con Rihanna e Paul McCartney alla canzone FourFiveSeconds. È improbabile che stelle di questo tipo si avvicineranno mai più a lui.

Sebbene sia noto come rapper, Ye ha esercitato la sua grande influenza musicale principalmente attraverso le sue produzioni innovative. Prima del suo album di debutto The College Dropout nel 2004 ha prodotto la musica di artisti come Jay-Z, Janet Jackson e Alicia Keys.

Nel 2008, con l'album 808s & Heartbreak, ha contribuito a reinventare il software vocale di sintonizzazione automatica, utilizzandolo come un processore di effetti per manipolare in modo udibile la sua voce, piuttosto che usarlo segretamente per correggere le imperfezioni vocali come previsto dagli inventori del software.

Con My Beautiful Dark Twisted Fantasy, ha inaugurato gli anni '10, caratterizzati da produzioni più roboanti, un decennio in cui la musica pop avrebbe probabilmente preso una direzione diversa, altrimenti.

Da critico di Bush a simpatizzante di Hitler

Come personaggio pubblico, Ye era già noto per gli scandali molto prima che cambiasse nome. Ma se questi avevano un background politico, erano per lo più motivati dall'antirazzismo.

Ad esempio, ha utilizzato un gala di raccolta fondi per le vittime dell'uragano Katrina nel 2005 per criticare i media per aver accompagnato i resoconti dei saccheggi durante il disastro esclusivamente con immagini di saccheggiatori neri.

West ha concluso il suo discorso dicendo: «A George Bush non frega niente dei neri». Nel 2013, Bush ha dichiarato questo momento il punto più basso della sua presidenza.

Soldi per Clinton, sostegno per Trump

L'«Huffington Post» ha illustrato in un articolo retrospettivo l'incidente del 2015, con un disegno che ritrae il rapper con una maglietta di «Black Lives Matter». A questo punto, West era ancora considerato un genio eccentrico e un'icona per l'America nera.

All'inizio di ottobre di quest'anno, invece, il rapper si è presentato alla Paris Fashion Week insieme alla giornalista di destra Candace Owens indossando dei maglioni con la scritta «White Lives Matter».

Alla settimana della moda di Parigi, Ye e la giornalista conservatrice di destra Candace Owens hanno suscitato scalpore indossando un maglione con la scritta «White Lives Matter», una modifica dello slogan «Black Lives Matter», che si oppone alla violenza razzista della polizia.
Alla settimana della moda di Parigi, Ye e la giornalista conservatrice di destra Candace Owens hanno suscitato scalpore indossando un maglione con la scritta «White Lives Matter», una modifica dello slogan «Black Lives Matter», che si oppone alla violenza razzista della polizia.
Twitter

Il musicista ha donato denaro alla campagna di Hillary Clinton nelle elezioni presidenziali del 2016, ma ha annunciato poco dopo le elezioni che se avesse votato avrebbe preferito Trump, a cui ha fatto visita poco dopo la sua elezione nella sua Trump Tower a New York e lo ha descritto come uno «spirito affine».

Nel 2018, ha iniziato a sfoggiare il cappello rosso «Make America Great Again» che Trump ha reso popolare durante la sua campagna elettorale.

Ye si è definitivamente isolato

Ora lo sviluppo verso persona non grata sembra completo. Persino gli estremisti conservatori troverebbero difficile portare avanti le dichiarazioni di Ye. Anche Alex Jones, lui stesso un teorico della cospirazione antisemita, ha cercato di prendere le distanze dalle espressioni di simpatia di Ye per Adolf Hitler durante la sua intervista.

Una volta celebrato come un genio musicale, l'artista Kanye West si è ora trasformato nell'isolato teorico della cospirazione neonazista Ye. Il declino di questa stella potrebbe essere uno dei più profondi nella storia della cultura pop.

Informazioni e contatti utili