Jaden Smith attacca uno youtuber: «Sessualizza mia sorella di 11 anni»

CoverMedia

29.6.2020 - 11:11

The 29th Annual Environmental Media Awards Featuring: Jaden Smith Where: Beverly Hills, California, United States When: 31 May 2019 Credit: FayesVision/WENN.com Featuring: Jaden Smith Where: Beverly Hills, California, United States When: 31 May 2019 Credit: FayesVision/WENN.com
Source: FayesVision/WENN.com

Lo youtuber Shane Dawson ha pubblicato un video in cui sembrerebbe masturbarsi di fronte a un poster Disney della ragazza.

Jaden Smith attacca uno youtuber per una serie di commenti spinti sulla sorella Willow.

In un video Shane Dawson sembrerebbe masturbarsi di fronte a un poster Disney di Willow, facendo riferimento a “Whip My Hair”, canzone di successo rilasciata quando la ragazza aveva appena 11 anni.

Già la madre Jada Pinkett Smith era intervenuta su Twitter per esprimere tutto il proprio disappunto. «A Shane Dawson… non ci sono più scuse che tengano», ha scritto l’attrice.

Furioso contro lo youtuber, il 21enne Jaden ha invece dichiarato: «Shane Dawson sono disgustato da te. Stai sessualizzando una ragazzina di 11 anni, che tra l'altro è mia sorella... è la cosa più distante che ci sia dall'essere divertente e non va bene per niente».

Di recente, il 31enne si è scusato per il video, in cui mostrava se stesso con il volto dipinto di nero: una pratica ultimamente considerata razzista.

«Ho fatto il video sei anni fa e mi sono scusato per questo - ha scritto -. Sapevo che era sbagliato, sapevo che non avrei mai dovuto farlo. In realtà non ho studiato attentamente la storia e non sapevo perché fosse così sbagliato farlo né perché le persone se la siano così tanto presa con me. Non sono un razzista. Stavo cercando di essere divertente. Ma l'ho messo su Internet da persona responsabile, anche se era un atto irresponsabile. Sono molto dispiaciuto».

Pur non menzionando Willow, Dawson si è scusato per i suoi commenti inappropriati sui bambini.

«Lo giuro sulla mia vita: non sono una persona che parla in un certo modo dei bambini. Soprattutto in un modo inappropriato».

«È qualcosa che ho fatto per fare un po’ di scalpore o perché pensavo fosse divertente… ma è semplicemente volgare e giuro che non c’era nulla di reale. Non sono quello».

Tornare alla home page

CoverMedia