James Blunt critica Madonna per i commenti sul coronavirus

CoverMedia

26.6.2020 - 13:15

Seen arriving for Greed, Premiere at London Film Festival, Odeon Leicester Square, London. 09.10.19 Featuring: James Blunt Where: London, United Kingdom When: 09 Oct 2019 Credit: WENN.com Featuring: James Blunt Where: London, United Kingdom When: 09 Oct 2019 Credit: WENN.com
Source: WENN.com

«Siamo tutti sulla stessa barca». Questa la frase pronunciata dalla Material Girl che non è andata giù agli utenti del web.

James Blunt ha criticato Madonna per aver definito la crisi di Covid-19 un «grande equalizzatore».

Quando a marzo la pandemia ha colpito gli Stati Uniti, la cantante di “Material Girl” si è rivolta a fan e follower della sua vasca da bagno, nuda e circondata da candele, affermando che il Covid-19 è un «grande equalizzatore».

«La cosa terribile è che ci ha resi tutti uguali in molti modi. E la cosa meravigliosa è che ci ha resi tutti uguali in molti modi ...», ha commentato Madonna nel video di Instagram. «Come dicevo alla fine di “Human Nature”: "Se la nave affonda, affondiamo tutti insieme”».

Per i suoi commenti, Madonna è stata derisa dagli utenti dei social media e James li ha ora ponderati durante una nuova intervista con il quotidiano britannico The Times.

Il cantante, che vive sull'isola spagnola di Ibiza con sua moglie - l'aristocratica britannica Sofia Wellesley - e i suoi figli, dichiara che le celebrity dovrebbero essere grate di vivere la pandemia in una posizione privilegiata.

«Sono incredibilmente fortunato. Penso che tutto ciò abbia solo rafforzato la nostra fortuna. Immagino che se devo commentare le cose che stanno succedendo, l'unica cosa che contendo è la frase di Madonna: “Siamo sulla stessa barca”».

«Non penso che lo siamo. Sono davvero fortunato. Molte persone sono morte per questo e altre hanno perso il lavoro in modo permanente, potenzialmente le aziende stanno andando in rovina e altre hanno trascorso il blocco in spazi ristretti per conto proprio».

L’hitmaker di “You're Beautiful” doveva andare in tournée a sostegno del suo ultimo album “Once Upon a Mind”, e nonostante tutti i suoi concerti siano stati annullati a causa del Covid-19, ha continuato a pagare un po' di salario alla sua crew.

«Li ho pagati per una parte del tempo - ammette Blunt - con un importo che sentivamo li avrebbe aiutati ad affrontare i momenti difficili».

Tornare alla home page

CoverMedia