Jane Fonda: volto della prima collezione green di Gucci

CoverMedia

18.6.2020 - 16:33

When: 17 Jun 2020 **Only for use by WENN CPS**
Source: Covermedia

Saranno, tra gli altri vip, la storica l’attrice Jane Fonda e il rapper Lil Nas X ad animare la nuova campagna environmentally-conscious del brand di lusso.

Jane Fonda e Lil Nas X sono i protagonisti della nuova collezione green firmata da Gucci.

Il marchio del gruppo Kering ha lanciato Gucci Off The Grid, la prima collezione ecosostenibile disegnata dal direttore creativo Alessandro Michele.

Il nuovo progetto denominato Gucci Circular Lines si basa sull’idea di produzione circolare.

Tra le proposte ci sono valigeria, accessori, calzature e articoli ready-to-wear, tutti gender neutral, realizzati con materiali riciclati biologici, provenienti da materie rinnovabili e da fonti sostenibili.

«La collezione è il risultato di un lavoro di gruppo, dove ognuno ha portato qualcosa», ha spiegato Michele. «E anche nella campagna c’è l’idea del dialogo tra persone, che costruiscono qualcosa di nuovo. Ho immaginato che potessimo costruire tutti insieme, un po’ come dei bambini che giocano nel parco, una casa sull’albero nel centro di una metropoli, perché tutti noi abbiamo bisogno di costruire questa casa o di scoprire che esiste il pianeta anche dove ci sembra che non ci sia, o che sia lontano». 

Nel servizio fotografico la Fonda è in posa davanti a una casa sull'albero in legno, immersa in un paesaggio urbano con indosso un abito bianco sporco correlato da borsa gialla.

L'icona di Hollywood, che si è recentemente impegnata a non comprare nuovi vestiti, ha assicurato che la campagna si allinea alle cause ambientali da lei promosse, come Fire Drill Fridays.

«Richiedi che i tuoi funzionari governativi investano in infrastrutture per l'energia pulita», ha commentato.

«Gli economisti globali concordano sul fatto che è il massimo investimento che possiamo fare, sia in termini di benefici per il clima che per stimolare il mercato dopo il periodo di pandemia, quando è necessario creare tanti posti di lavoro».

Tornare alla home page

CoverMedia