Johnny Depp ricattato da Amber Heard con foto compromettenti

CoverMedia

22.9.2019 - 13:10

Tribute To Johnny Depp 45th Deauville American Film Festival DEAUVILLE, FRANCE SEPTEMBER 08 Actor Johnny Depp attends the Waiting For The Barbarians Premiere during the 45th Deauville American Film Festival on September 08, 2018 in Deauville, France. Featuring: Johnny Depp Where: France When: 08 Sep 2019 Credit: Franck Castel/ News Pictures/WENN.com **Only available for publication in UK**
Source: Franck Castel/ News Pictures/WEN

La Heard avrebbe minacciato Depp con delle immagini, in cui si vedrebbe l’attore fare utilizzo di droghe.

Ennesimo capitolo nella faida tra Johnny Depp e Amber Heard.

Attraverso il suo legale, l’attore hollywoodiano ha accusato l’ex moglie di averlo ricattato con delle foto che comprometterebbero la sua reputazione.

La Heard avrebbe minacciato di utilizzare le immagini, in cui si vedrebbe Depp fare utilizzo di droghe, nella causa da 50 milioni di dollari (45.3 milioni di euro) intentale contro dal divo de «I Pirati dei Caraibi» per diffamazione.

Johnny, a marzo, ha infatti presentato un esposto contro Amber per averlo (nuovamente) accusato di violenze domestiche in un articolo pubblicato sul Washington Post, a tre anni dal loro esplosivo divorzio.

Secondo il The Blast, la legale dell’attrice 33enne, Roberta Kaplan, avrebbe contattato gli avvocati di Depp, presentando loro una “selezione” di scatti compromettenti: in una di queste immagini pare si vedesse la star aspirare della droga da un bong.

La condizione per ritirare le immagini era una: tenere le prove private, in vista dell’udienza della scorsa settimana. Johnny ha rifiutato e le foto sono state consegnate al giudice.

Condannando duramente la mossa, il legale del 56enne ha dichiarato al The Blast: «Roberta Kaplan, l’avvocato di Amber Heard, esponente del movimento #TimesUp, ha cercato senza successo di nascondere la bufala degli abusi e le prove di violenza con un tentativo di ricatto. Brandendo foto non datate in tribunale, una delle quali sembrava mostrare il signor Depp (che ha parlato apertamente nelle interviste delle sue dolorose lotte passate e del recupero dalla tossicodipendenza) fumare da una pipa anni fa. La minaccia della sig.ra Kaplan era semplice: se ci fossimo opposti alla loro richiesta di mantenere segrete le prove, avrebbero mostrato al giudice queste foto. Abbiamo respinto la sua minaccia e lei è passata al contrattacco, presentando le foto come prove, come risulta nelle trascrizioni».

La Kaplan ha così risposto: «Non abbiamo minacciato di "rilasciare" alcuna fotografia, comprese quelle che mostrano il signor Depp usare droghe illegali. Piuttosto, durante l’udienza, abbiamo presentato alcune fotografie al giudice per spiegare che un ordine protettivo avrebbe senso in questo caso».

«Siamo stati molto attenti ai contenuti delle fotografie in tribunale, non le abbiamo mostrate a nessun altro, a parte al giudice, e non abbiamo fornito nessuna descrizione nel documento».

Il giudice ha disposto il sigillo sulle cartelle cliniche di Depp, escludendo le foto dal procedimento.

Tornare alla home page

CoverMedia