Supplica

Kanye West chiede a Kim Kardashian di «tornare subito» da lui

Covermedia

11.12.2021 - 13:10

Kanye West
Kanye West

L'autore di «Stronger» ha cantato la sua supplica dal palco del Los Angeles Memorial Coliseum.

Covermedia

11.12.2021 - 13:10

Durante il suo ultimo live Kanye West ha chiesto a Kim Kardashian di «tornare subito» da lui.

Si tratta di un appello urlato a squarciagola per la prima volta dal palco di Free Larry Hoover, quando il rapper si è esibito al concerto di beneficenza tenuto giovedì sera. L'autore di «Stronger» ha cantato la sua supplica dal palco del Los Angeles Memorial Coliseum, da cui ha dedicato alla ex moglie il brano «Runaway», a cui ha aggiunto un nuovo verso.

Il filmato lo mostra cantare: «"I need you to run right back to me» three times before adding, «More specifically, Kimberly"».

La magnate di KKW era tra il pubblico del concerto con due dei loro quattro figli, North e Saint, sua madre Kris Jenner e la sorellastra Kendall Jenner. Oltre a ospiti tra cui Lizzo, Machine Gun Kelly e Megan Fox.

Kanye ha organizzato il concerto di beneficenza per fare campagna per il rilascio dell'ex co-fondatore della banda di Chicago Larry Hoover e per raccogliere fondi per le organizzazioni di riforma carceraria. Aveva chiesto a Drake di porre fine alla loro faida e di esibirsi con lui allo spettacolo e hanno messo su un fronte unito per la folla.

Inizialmente si sono esibiti separatamente, con Kanye che deliziava i fan con successi come «Jesus Walks», «All Falls Down» e «Gold Digger» e persino cantando uno dei successi di Drake: «Find Your Love», che ha prodotto.

Drake in seguito si è unito a Kanye sul palco mentre eseguiva il successo del 2007 «Can't Tell Me Nothing» per poi continuare con il suo set da solista. Lo spettacolo si è concluso con una performance congiunta della loro collaborazione, «Forever», che è stata pubblicata nel 2009 e comprendeva anche Eminem e Lil Wayne.

Hoover, il co-fondatore della gang di Chicago Gangster Disciples, sta attualmente scontando sei ergastoli in prigione dopo essere stato condannato per omicidio, cospirazione, estorsione e riciclaggio di denaro.

Covermedia