Keira Knightley: terrorizzata dai social network

CoverMedia

23.9.2019 - 11:13

The Aftermath World Premiere at the Picturehouse Central, Shaftesbury Avenue and Great Windmill Street, London Featuring: Keira Knightley Where: London, United Kingdom When: 18 Feb 2019 Credit: WENN.com
Source: WENN.com

L’attrice ha rimosso il suo account Twitter dopo pochi secondi.

È stata brevissima la permanenza di Keira Knightley sulle piattaforme social.

Terrorizzata per le attenzioni di una serie di sconosciuti, l’attrice ha immediatamente rimosso i suo account Twitter e Facebook.

La star de «I Pirati dei Caraibi», da sempre molto attenta a proteggere la privacy sua e della sua bambina, Edie di 4 anni, ha dichiarato al The Observer: «Il mio account Twitter è durato pochi secondi! Ho visto accumulare qualcosa come 100 follower in tre secondi e ho provato talmente tanta paura da essermi subito cancellata… E poi Facebook. Sono rimasta iscritta per un giorno soltanto, circa dieci anni fa, senza postare nulla, ma ancora ricevo delle e-mail in continuazione come se fossi ancora un membro o chissà che cosa».

Keira, che è sposata con l’ex rocker dei Klaxons, James Righton, non ha nessuna intenzione di iscriversi a Instagram. «I miei feed sarebbero imbarazzanti, sono uno schifo a scattare foto!», ha scherzato.

L’attrice, incinta del suo secondogenito, è stata recentemente autrice di un editoriale sul femminismo e sul dolore provato durante il parto, ma, al momento, non pensa di condividere informazioni sulla sua vita familiare e soprattutto sui suoi figli, o almeno fino a quando non saranno in età adulta.

«Non voglio condividere nulla sulla mia intimità - ha spiegato -. Ho una bambina e un altro in arrivo e voglio che la loro privacy sia sicura e sacra, almeno fino a quando loro non saranno grandi abbastanza da decidere cosa vogliono fare delle loro vite. Non scrivo della mia famiglia, pur avendo scritto un lungo articolo su come si è spaccata la mia vagina! Sono più brava in queso genere di cose!».

Tornare alla home page

CoverMedia