Liam Gallagher si sposa per la terza volta

CoverMedia

3.9.2019 - 13:10

The World Premiere of 'Liam Gallagher: As It Was' held at the Alexandra Palace - Arrivals Featuring: Liam Gallagher Where: London, United Kingdom When: 06 Jun 2019 Credit: Mario Mitsis/WENN.com
Source: Mario Mitsis/WENN.com

L’ex leggenda degli Oasis ha chiesto la mano alla compagna Debbie Gwyther, durante una vacanza ad Amalfi.

Liam Gallagher si è ufficialmente fidanzato con la sua agente Debbie Gwyther.

Come riporta il The Sun, il rocker, 46, ha chiesto alla compagna di sposarlo a fine agosto durante una romantica vacanza ad Amalfi.

L’ex Oasis è sembrato confermare la lieta news su Twitter, rispondendo a un fan che gli aveva chiesto delucidazioni sul suo testimone di nozze.

«Seriamente, come fai a sapere che ci stiamo per sposare?», ha risposto sorpreso Gallagher.

Un fonte dell’industria discografica ha inoltre rivelato come la madre della rockstar, Peggy, fosse presente al momento della proposta.

«Sua mamma Peggy era felice come una Pasqua alla proposta e approva pienamente la sua relazione con Debbie - ha spiegato l’insider -. La coppia spera di sposarsi il prossimo anno e Liam vuole tutti i figli al suo fianco nel suo giorno più importante».

Per Liam si tratta del terzo matrimonio: in passato è stato sposato con l’attrice Patsy Kensit e con la musicista Nicole Appleton.

Debbie è al settimo cielo e non vede l’ora di sposare Liam, dopo una relazione lunga sei anni.

«Debbie è felicissima ed è ancora sconvolta dal fatto che Liam le abbia chiesto di sposarla. Era in programma da tempo e ora si sta concretizzando davvero. Si sentono forti come non lo erano mai stati e lui finalmente sta bene», aggiunge la fonte. «La sua musica sta andando bene e ha un rapporto solido con i suoi tre figli più grandi, grazie a Debbie. Liam crede che Debbie abbia dato una svolta alla sua vita, rimanendo al suo fianco».

Liam è padre di Molly, 22, Lennon, 19, e Gene, 18, e di Gemma, 6 anni, nata dalla relazione extraconiugale con la giornalista americana Liza Ghorbani.

Tornare alla home page

CoverMedia