Il finalista dell'ESC torna a casa

Marius Bear: «Dopo il voto sono sprofondato in un buco»

Di Bruno Bötschi

18.5.2022

Marius Bear:
Marius Bear: «Il mio istinto mi dice che questa non è l'ultima volta che vado all'ESC».
Keystone

L'Eurovision Song Contest è stato un giro sulle montagne russe per Marius Bear, che ora è tornato a casa, in Appenzello, dove è atterrato con i piedi ben piantati per terra. E con blue News ricorda le settimane folli a Torino.

Di Bruno Bötschi

18.5.2022

Marius Bear, come si sente a quattro giorni dall'esperienza dell'Eurovision Song Contest (ESC) 2022?

Ancora totalmente folle. L'ESC di Torino è stata finora la più grande esperienza della mia vita.

Lunedì è stato invitato a pranzo dai suoi genitori a Enggenhütten, nel semicantone di Appenzello Interno.

Proprio così. Mia madre ha cucinato meravigliosamente. Dopodiché, ho falciato il suo prato perché in questo periodo ha qualche problema al ginocchio. È stato incredibilmente bello. Dopo esperienze così grandi, ritengo sia estremamente importante rimettere entrambi i piedi per terra.

Quanto sono soddisfatti i suoi genitori delle sue prestazioni all'ESC?

I miei genitori hanno visto dal vivo la semifinale e la finale a Torino. Sono molto orgogliosi di me e pensano che abbia fatto un ottimo lavoro.

La votazione di sabato è iniziata alla grande: i Paesi Bassi hanno assegnato dieci punti a lei e alla sua canzone «Boys Do Cry». Come ha vissuto questo momento?

Non so più a cosa stavo pensando. Ero così carico di adrenalina. Tutto è andato molto in fretta.

Quante lacrime ha versato quando ha scoperto che il pubblico non le ha assegnato nemmeno un punto?

L'intero ESC è stato caratterizzato da molti alti e bassi. E lo ammetto: dopo la votazione sono sprofondato in un buco profondo.

Quanto è soddisfatto della sua performance finale?

Sono un artista che dopo una performance ha quasi sempre la sensazione di poterla fare ancora meglio. Ma quando ho riguardato la mia prestazione domenica in albergo a Torino, ho dovuto ammettere che è stata perfetta. Nella serata finale ho dato il 200% e sono riuscito a portare a termine il progetto che avevo in mente da mezzo anno. Alla fine, però, non ha funzionato, almeno con il pubblico.

Le canzoni tranquille questa volta hanno avuto difficoltà con il pubblico dell'ESC.

Abbiamo deciso di andare a Torino con una canzone tranquilla e raffinata. E continuo ancora a sostenere questa decisione.

Gli addetti ai lavori sostengono che la sua grande voce sia stata sottovalutata con la canzone «Boys Do Cry».

Come ho detto, abbiamo deliberatamente scelto una canzone profonda. Volevamo fare l'opposto di ciò che viene presentato di solito all'ESC. Per me sarebbe stato probabilmente più facile cantare una grande ballata a Torino. Ma volevamo presentare la profondità invece dei fuochi d'artificio.

Qual è stato il suo primo pensiero quando si è svegliato nella sua camera d'albergo a Torino domenica mattina?

Ora sono un artista.

In che senso?

Faccio musica a livello professionale da cinque o sei anni. Tuttavia, in passato mi sono spesso sentito come un meccanico di macchine edili che fa anche musica. E quindi, ripeto, l'ESC è la cosa migliore che mi sia capitata finora nella mia vita di artista.

Qual è la tua canzone preferita dell'ESC?

Il brano greco di Amanda Georgiadi Tenfjord mi è entrato sotto pelle. Sono anche assolutamente entusiasta di Sam Ryder dal Regno Unito.

E ora, per favore, un'ultima frase su «Stefania», la canzone vincitrice della Kalush Orchestra dall'Ucraina.

Sono felice con tutto il cuore che l'Ucraina abbia vinto. Da un lato, perché penso che la canzone sia bella, ma dall'altro anche perché è un messaggio importante per il mondo. E l'Europa ha dimostrato che siamo uniti quando è importante esserlo.

Nonostante gli zero punti del pubblico, sembra ancora un grande fan dell'ESC. Cosa la affascina della più grande competizione canora del mondo?

Come posso spiegarlo? Per me le due settimane dell'ESC a Torino sono state come un meraviglioso pellegrinaggio. Mi ha immerso in un mondo straordinario.

Qual è stata la cosa più assurda che ha vissuto a Torino?

Oh, ci sono stati così tanti momenti folli! Devo pensarci in fretta...

Faccia con calma...

Non ho mai vissuto su una simile montagna russa di emozioni in un periodo così breve della mia vita. Sì, non ho mai sentito il mio corpo così forte come durante le due settimane a Torino. E sapete cosa? Il mio istinto mi dice che non sono stato all'ESC per l'ultima volta.