Spettacolo

Massimo Giletti: «I veri conduttori stanno in piedi»

CoverMedia

19.10.2018 - 11:11

Source: Covermedia

Mimica facciale e gestualità in studio sono il marchio di fabbrica del presentatore di Non è l’Arena.

Per motivare ospiti e pubblico di Non è l’Arena, Massimo Giletti veicola tutta la sua energia. Sforzo creativo che richiede al giornalista torinese di muoversi su e giù per lo studio, gesticolare e adottare una mimica facciale per cui oramai è famoso.

Molti suoi colleghi e utenti del web considerano l’atteggiamento complessivo piuttosto «forzato», quasi una parte studiata, ma il 56enne assicura che è tutta farina del suo sacco.

«Per me lo studio televisivo è un teatro dove non ci può non essere una ritualità sceneggiata e ben costruita. Bisogna trasmettere emozioni al pubblico per cui il conduttore deve essere attivo. Ho sempre detto di ispirarmi a Santoro per le sue qualità di narratore. E poi i conduttori si vedono in piedi, non seduti», dichiara a TV Sorrisi e Canzoni Massimo Giletti che, da quando è sbarcato su La7 abbandonando la Rai e gli studi di via Mazzini per un nuovo inizio sui palinsesti di Urbano Cairo, ha fatto impennare ascolti e share del suo talk show.

«Negli anni “L’Arena” è cambiata e anche io non sono più lo stesso - spiega Giletti -. Sono ancora aperte le ferite della tempesta in cui sono finito, quindi combatto ancora di più per chi la parola non la può usare».

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia