Inclusività Michele Bravi difende la comunità LGBTQ+: «Frociaggine? Dobbiamo essere rispettati»

Covermedia

17.6.2024 - 13:11

Michele Bravi
Michele Bravi

Testimonial quest'anno del corteo di Torino, l'attore e cantautore ha riscattato l'orgoglio della comunità Lgbtq+: «Abbiamo bisogno di essere ascoltati e visti».

17.6.2024 - 13:11

Durante il Pride di torino, Michele Bravi ha espresso le sue preoccupazioni per l'Italia e l'Europa, sollevando questioni cruciali sulla rappresentanza e il rispetto dei diritti LGBTQ+ riferendosi direttamente alle parole di Papa Francesco che in un recente discorso ha utilizzato il termine «frociaggine» in un contesto che ha suscitato numerose polemiche.

Il Papa ha detto: «La frociaggine è una moda che non ha nulla a che fare con l'essere. È una cosa che ha contagiato un po' tutti, a partire dalle élite».

Queste parole hanno generato una forte reazione nella comunità LGBTQ+ e tra i suoi sostenitori, spingendo figure pubbliche come Michele Bravi a rispondere.

Durante il suo intervento al Torino Pride, Bravi ha affermato: «Il Pride è una manifestazione che celebra l'amore ma non solo, perché noi non abbiamo bisogno del permesso di qualcuno per amare o per essere chi siamo. È una manifestazione che celebra i diritti, perché abbiamo bisogno di essere ascoltati e visti».

Il cantante ha sottolineato l'importanza di eventi come il Pride non solo per celebrare l'amore, ma anche per affermare i diritti e l'uguaglianza.

Bravi ha proseguito esprimendo le sue paure per il futuro dell'Italia e dell'Europa: «In questo periodo una parola che si sente molto è paura, e io ho paura per l'Italia e l'Europa e che le persone scelte dalla maggioranza per rappresentarci scelgano di non vederci. Questa piazza sarà pure piena di frociaggine, ma prima di tutto siamo cittadini che chiedono di essere rispettati».

Covermedia