Discriminazione

Michelle Obama si lisciava i capelli, ecco perché

Fabian Tschamper

4.12.2022

Non attirare l'attenzione: quando suo marito Barack è stato eletto presidente degli Stati Uniti, Michelle Obama si è lisciata i capelli. E questo perché «molti statunitensi non erano pronti per la mia capigliatura afro naturale».

Fabian Tschamper

4.12.2022

Gli Obama sono stati la prima famiglia presidenziale nera degli Stati Uniti. Michelle ha rivelato in un'intervista con Ellen DeGeneres di aver lisciato i suoi ricci naturali durante il mandato di Barack. All'epoca la popolazione statunitense si stava «appena abituando» ad avere una famiglia presidenziale afroamericana.

L'ex first Lady non voleva sopraffare la popolazione: «No, non è pronta per questo», ha detto alla conduttrice del talk show riferendosi all'aspetto naturale dei suoi capelli.

Per apparire il meno appariscente possibile e non attirare l'attenzione su di sé, ma sulla politica del marito, si è adattata e si è lisciata i capelli. Anche per evitare di dover rispondere a domande razziste.

Una legge federale contro la discriminazione dei capelli

Queste preoccupazioni erano più che giustificate, anche dal momento che nel 2014 ci fu persino indignazione mediatica quando l'ex presidente indossò un abito beige nel 2014: «Lo scandalo dell'amministrazione Obama», lo chiamavano i media conservatori di destra.

«Le acconciature naturali possono essere criticate come meno professionali, anche se è più facile portare i capelli in quel modo», afferma Michelle. Questo è ancora un ostacolo per le donne afroamericane sul posto di lavoro.

Proprio in marzo, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato il cosiddetto CROWN Act – «Create a Respectful and Open World for Natural Hair» («crea un mondo rispettoso e aperto per i capelli naturali»). Questo ha lo scopo di prevenire la discriminazione basata sulle acconciature, che colpisce in particolare le persone di colore. Il disegno di legge non è ancora stato approvato dal Senato.

Alcuni repubblicani al Congresso hanno però persino diffamato la legge: il membro del Congresso di estrema destra Lauren Boebert l'ha definita una «bad hair bill» («legge dei cattivi capelli»)