Moorer, dalla moda alle mascherine

ANSA

14.4.2020 - 17:59

Source: ANSA

Aziende converte produzione Jan Mayen per emergenza

ROMA, 14 APR – L'azienda di abbigliamento Moorer ha «fornito oltre 1,5 milioni di mascherine del tipo Ffp2, Ffp3 e chirurgiche, 250mila camici monouso e 15.000 tute impermeabili a una lunga lista di enti di pubblica utilità italiani. L'operazione – spiega una nota – è stata resa possibile in seguito alla scelta di Moorer di convertire l'intera produzione del suo marchio-icona Jan Mayen, che opera in Cina, nella realizzazione di dispositivi di protezione».

«A ulteriore supporto e per velocizzarne i processi – spiega ancora la nota – è stata attivata anche una parte del polo produttivo di Moorer in Italia che ha contribuito a produrre in poco tempo una quantità di dispositivi per il supporto di realtà collocate nelle zone più colpite dalla pandemia in Italia, tra le quali Ats Bergamo e Brescia, Croce Rossa italiana, diversi comuni lombardi, case di riposo, ospedali, istituti farmacologici e di ricerca. Grazie al rapporto commerciale con la Cina, Moorer ha potuto garantire all'Italia un celere approvvigionamento di mascherine certificate Ce messe a disposizione dei soggetti richiedenti al solo costo di produzione, per una vendita, dunque, dalla quale l'azienda non ha ottenuto alcun guadagno. A sostegno solidale della sua zona di origine, inoltre, il brand è riuscito a donare 25.000 dispositivi ( 20.000 mascherine chirurgiche e 5000 camici) agli istituti ospedalieri del Veronese. La decisione del brand allo scopo di mettere in sicurezza il lavoro dei soggetti più esposti, come il personale medico e gli operatori sanitari, nonché di sostenere tutta la comunità, in buona parte ad oggi ancora sprovvista di adeguati dispositivi di protezione». (ANSA).

Tornare alla home page

ANSA