Scontro aperto Morgan licenziato da X Factor, replica: «Li ho smascherati, Fedez è stato violento»

Covermedia / red

22.11.2023 - 13:00

Morgan, fotografato per la nuova edizione di X Factor a Milano il 12.09.2023.
Morgan, fotografato per la nuova edizione di X Factor a Milano il 12.09.2023.
IMAGO/Matteo Gribaudi

La decisione, presa di comune accordo tra Sky Italia e Fremantle Italia, è stata annunciata ufficialmente attraverso una nota del programma. Morgan ha reagito e parlando di Fedez, D'Argen D'Amico e Michielin ha detto al Corriere: «Ho minato gli equilibri del loro sistema economico, ho smascherato la loro illegittimità, e loro compatti hanno chiesto la mia testa».

Covermedia / red

22.11.2023 - 13:00

Morgan è stato silurato dalla giuria di X Factor a causa di «comportamenti incompatibili e inappropriati», che si sono verificati sia nei confronti della produzione che durante le esibizioni dei concorrenti.

Tali «exploit» si sommano alle numerose dichiarazioni controverse rilasciate dal cantante negli ultimi giorni.

Morgan: «Avevo ritrovato il mio equilibrio»

Immediata la replica di Morgan, che si dice arrabbiato d'aver saputo del suo allontanamento dalla stampa e non da Sky direttamente, e che risponde alle domande dei giornalisti nella conferenza stampa su WhatsApp, come riporta l’Ansa.

«Sono venuti a cercarmi per coinvolgermi con insistenza assordante perché io non avevo la minima intenzione di fare X Factor. Mi hanno scompigliato la vita, il mio equilibrio, la serenità, la famiglia, i miei progetti riconquistati con tanta dedizione e fatica negli anni.».

«Ho attraversato momenti difficili da cui sono emerso sempre con le forze della mia dedizione, con lo studio, con l'amore per la musica, con la divulgazione appassionata. Avevo ristabilito un equilibrio delicato e tanto agognato», dice Morgan.

«La RAI non ha mantenuto nessuna promessa»

«Mi hanno lusingato con "promesse da marinai", perché nessuna hanno mantenuto. Ho detto loro: vi prego non devastatemi ancora la tranquillità io sto facendo finalmente il mio programma in Rai, Stramorgan, una vera oasi musicale in un mondo che aveva perduto la bellezza, stavo terminando il mio album di inediti con Panella, ho detto loro supplicandoli di non venire a distruggere la mia quiete con la loro smania.

Mi hanno corteggiato a tal punto che mi hanno detto di chiedere qualsiasi cosa volessi: non ho chiesto denaro, ma garanzie di qualità e di rispetto. Ho chiesto: protezione mediatica. Libero arbitrio nelle scelte dei brani. La possibilità di fare un evento estivo di musica in televisione prodotto da loro in collaborazione con Rai. Nulla hanno mantenuto».

«Fedez urlava, c'era mia figlia di 3 anni in camerino»

Il cantante poi spiega i retroscena della bagarre con il collega Fedez. In diretta, giova ricordarlo, ha dato del depresso a Fedez. Poi si è scusato.

«Quello che ho detto a Fedez è stata una cosa ironica, autoironica. Poi chiedendogli subito scusa via messaggio nonostante lui è stato molto violento dicendo cose terribili davanti alle telecamere dopo la puntata».

«Poi nel camerino, ero con la figlia di tre anni, bestemmiava, perché bestemmiava, urlando: "O lui o io dovete cacciarlo" e mia figlia che mi chiedeva: "Papà perché hai paura?". Questa è la scena. Io nonostante tutto reagisco a questa cattiveria umana senza diventare come loro», ha concluso il musicista.

E aggiunge: «Io ho sempre pensato che Fedez fosse un ragazzo intelligente, gli sono stato vicino durante la malattia. E la vita è quello che conta di più».

«Li ho smascherati, sono tutti dello stesso giro»

Morgan, giova ricordarlo, in diretta si era anche lamentato per non aver potuto «scegliere i brani dei suoi artisti» e ha accusato Dargen di essersi venduto allo showbiz.

«La verità, sottolinea l’ex coach al "Corriere della Sera", è che io ho minato gli equilibri del loro sistema economico, ho smascherato la loro illegittimità, e loro compatti hanno chiesto la mia testa.

«Tutto è cominciato già dalla prima puntata quando ho detto che era brutto il brano di Annalisa con il testo di Simonetta. Il quale lavora con D’Amico e Michielin. Sono tutti dello stesso giro».

E all'inviato di «Striscia la notizia» Valerio Staffelli, che gli ha consegnato il Tapiro, rincara la dose: «Forse non pensavano che sarei arrivato al punto di rivelare la loro tresca. Non hanno cultura musicale e quando la vedono ne hanno paura. Ma è di loro che dovremmo aver paura.»

«In un mondo che dovrebbe insegnare l’inclusione, loro mi licenziano. La battuta a Michielin su Ivan Graziani? Come fa una cantante a non sapere che è morto da anni? Il vaffa ad Ambra? C’è stata una discussione, l’ho mandata a quel paese perché lei pensava che la stessi trattando male in quanto donna. Ma figuriamoci» ha terminato davanti alle telecamere.

Covermedia / red