Paolo Bonolis parla di tv: «Ci stiamo trasformando in una giovane Rsa»

Covermedia

26.10.2021 - 11:10

Paolo Bonolis

Il conduttore romano commenta con parole amare la situazione italiana legata al più importante mezzo di comunicazione.

Covermedia

26.10.2021 - 11:10

Paolo Bonolis ha espresso un amaro commento sulla televisione italiana.

L'opinione del conduttore arriva con una recente intervista a Il Corriere della Sera e si riferisce in particolar modo allo stato di salute del mezzo di comunicazione usato nel nostro Paese.

«Non è questione di capire se la televisione sia migliorata o peggiorata. La tv in realtà è diventata qualcosa di diverso rispetto ai primi decenni in cui si è accesa», spiega Paolo Bonolis nella sua intervista a Il Corriere della Sera.

«Prima si trattava di una tv pionieristica, mentre adesso è diventata coloniale, nel senso che se una volta si conquistavano territori nuovi, di linguaggio e di argomento, oggi, si tende a coltivare il terreno già scoperto e non si fanno passi avanti per vedere se oltre questi confini ci sono territori nuovi da esplorare. L'altro aspetto non secondario è che in tv non c'è un grande ricambio di volti. Le nuove generazioni si muovono su nuove piattaforme e i conduttori più «giovani» in tv hanno la mia età. Diciamo che, lentamente, ci stiamo trasformando in una giovane Rsa».

Bonolis è in tv da quando ha iniziato la sua carriera con «Bim Bum Bam», per poi proseguire con 40 anni di successi tra cui «Tira e Molla», «Ciao Darwin», «Sanremo», «Affari Tuoi».

Covermedia